Tribunale Torino rigetta ricorso, legittimo applicare il Ccnl Conflavoro

TORINO (ITALPRESS) – Il tribunale di Torino con la sentenza del 9/12/2020 ha confermato una volta in più il diritto delle imprese a scegliere il contratto collettivo che ritengono più adeguato alla propria situazione, in nome della libertà sindacale sancita dalla Costituzione. Nella fattispecie, il Ccnl ritenuto dal tribunale correttamente applicato e applicabile è quello del settore Metalmeccanica Industria di Conflavoro Pmi e Fesica-Confsal, scelto da un imprenditore piemontese che aveva preferito recedere dal precedente Ccnl di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. Lo spiegano in una nota il presidente nazionale di Conflavoro, Roberto Capobianco e il presidente territoriale di Conflavoro Lingotto, Stefano Alemanno, il quale si è occupato in prima persona della vicenda.
“Era stata proprio la Fiom Cgil – evidenzia Stefano Alemanno – a portare l’imprenditore, che ha oltre 35 dipendenti, davanti al giudice con l’obiettivo di invalidare la sua libera scelta circa il cambio del Ccnl. La Fiom nel ricorso poi perso si era infatti opposta all’applicazione del Ccnl firmato da Conflavoro e Fesica-Confsal, asserendo la validità per ultrattività del proprio Ccnl, ossia ritenendolo unilateralmente ancora valido anche se scaduto il 31 dicembre 2019 e anche se rescisso dall’imprenditore”.
“Quello della Fiom è solo l’ennesimo tentativo di condizionare le aziende – commenta Roberto Capobianco – millantando un monopolio e una egemonia sindacale che non esistono sulla carta nè tantomeno nella realtà dei fatti. Esiste invece la libertà sindacale sancita dall’articolo 39 della Costituzione, assolutamente da difendere e ancora purtroppo lontana dall’essere accettata da alcune sigle sindacali. Le quali, puntualmente come stavolta, perdono i ricorsi in tribunale. Un’azienda, lo ribadiamo, può scegliere il Ccnl che preferisce. La qualità di un contratto non è data dal nome del sindacato che lo firma, ma dal rispetto della parte normativa e retributiva, come stabilito da più circolari dell’Ispettorato nazionale del lavoro”.
“Alle aziende diciamo di non aver paura e di non farsi condizionare. Stiamo lottando da tempo per far sì che queste situazioni che attentano a un diritto costituzionale non accadano più. E dopo questa importante sentenza confidiamo nell’intelligenza sindacale di non far più disperdere tempo e denaro in inutili ricorsi giudiziari, e che si possa piuttosto lavorare insieme su come superare questa dura crisi economica che non fa distinzione tra imprenditori e lavoratori”, conclude.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Renzi “Sul ddl Zan avevamo ragione noi”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul Ddl Zan, Letta apre alle modifiche, come noi avevamo suggerito quattro mesi fa. Bene così, è una scelta che apprezzo. Nessuno fortunatamente ha insultato Enrico, come invece in tanti hanno fatto con noi, quando avevamo posto il tema. La verità è che avevamo ragione: se vogliamo che la legge passi, vanno […]

[…]

Avellino

Blitz antidroga ad Avellino: in manette pregiudicato di 50 anni

25 Ottobre 2021 0

Gli agenti della Mobile di Avellino, hanno tratto in arresto un 50enne pregiudicato avellinese, responsabile di spaccio di droga. I poliziotti, conoscendo già l’uomo come possibile spacciatore, hanno eseguito una perquisizione domiciliare e hanno ritrovato marijuana […]

Top News

Salmo, “Flop” è disco di platino

25 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il nuovo album di Salmo “Flop” è certificato disco di platino, assieme al singolo “Kumite”, che ottiene oggi la certificazione oro. Il disco, uscito venerdì 1 ottobre, è da tre settimane alla posizione #1 della classifica FIMI degli album più venduti.Un nuovo risultato che va ad aggiungersi alla posizione #1 per “Flop” […]

[…]

Top News

Covid, 2.535 nuovi casi e 30 decessi in 24 ore

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Secondo il bollettino del ministero della Salute, i nuovi positivi sono 2.535 (rispetto ai 3.725 del 24 ottobre). I tamponi processati sono 222.385 che portano il tasso di positività a 1,13%. Si registrano 30 decessi (il 24 ottobre erano 24). I guariti sono 2.626 mentre per gli attualmente positivi si registra un […]

[…]