Serie B, giudice sportivo: nessuno squalificato per l’Avellino

Il giudice sportivo, al termine della quarantaduesima e ultima giornata della stagione regolare, ha fermato nove calciatori. Stangata per Alcibiade della Pro vercelli squalificato per tre turni. Uno a testa, invece, per Vitale (Salernitana), Addae (Ascoli), Agazzi (Foggia), Ardizzone (Virtus Entella), Frey (Venezia), Martinelli (Brescia), Mbaye (Carpi), Puscas (Novara). 

Nessuno squalificato per l’Avellino che aveva in diffida D’Angelo e Moretti. 

Ultimi Articoli

Top News

Mario Rosario Morelli nuovo presidente della Corte Costituzionale

16 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Mario Rosario Morelli è il nuovo presidente della Corte Costituzionale. Succede a Marta Cartabia, prima donna a ricoprire questo incarico. Lo ha eletto il plenum della Corte con nove voti a favore; cinque sono andati a Giancarlo Coraggio e uno a Giuliano Amato. Giudice costituzionale dal 2011, resterà in carica per soli […]

[…]

Top News

Pioli “Poco tempo, ma il Milan è pronto per l’Europa League”

16 Settembre 2020 0
CARNAGO (ITALPRESS) – “C’è emozione per la nuova stagione. Dobbiamo concretizzare un percorso iniziato l’anno scorso. I preliminari sono l’inizio, ma noi vogliamo arrivare ai gironi”. Stefano Pioli è pronto a ricominciare come aveva finito lo scorso campionato. Il Milan vuole replicare la grande seconda parte di stagione, quella del post-lockdown, in Europa League. Un […]

[…]

Top News

La caffeina stimola la creatività, lo conferma uno studio

16 Settembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Terminate le ferie, per gli italiani è iniziato il back to work, che per molti significa proseguire il lavoro da casa. Continua infatti l’incertezza su come evolverà la vita, in particolare quella lavorativa: termoscanner e gel all’ingresso, postazioni agili, home working… sono cambiati gli spazi e i tempi che segnavano il ritmo […]

[…]

Top News

Coronavirus, a preoccupare di più gli italiani lavoro e disoccupazione

16 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Gli italiani hanno ben compreso che il quadro economico e sociale del nostro Paese è oggettivamente complicato e allo stesso tempo nebuloso, tuttavia le loro speranze vanno in un’unica direzione: il ritorno a una – per quanto anomala – stabilità. Il 65%, pur riconoscendone lo sforzo e l’impegno, ritiene insufficienti le misure […]

[…]