I turni prepasquali della Serie B, si inizia con Bari-Ascoli

Turno prepasquale della Serie B ConTe.it in cui l’Empoli punta a continuare la propria fuga ed il Frosinone ed il Palermo che si sfidano, per ora, per il secondo posto. I toscani sfideranno in casa la Salernitana mentre i laziali proveranno a sfruttare il fattore Stirpe per avere la meglio sul Venezia di Pippo Inzaghi, assente per squalifica. Trasferta ligure per il Palermo che affronta la Virtus Entella a Chiavari. S’infiamma però anche la lotta salvezza con l’Ascoli che apre la giornata di campionato nell’anticipo contro il Bari, la Ternana Unicusano invece va in Emilia per affrontare il Carpi. Scontro diretto tra Novara e Cesena, la Pro Vercelli invece se la dovrà vedere con il Foggia. Gara impegnativa per il Parma, in trasferta ad Avellino. Riscattarsi dopo il derby con il Venezia è l’obiettivo del Cittadella che riceve lo Spezia al Tombolato, anche Brescia e Pescara, avversarie di turno al Rigamonti, cercano successi che possano riportare il sorriso nelle rispettive piazze. Chiude il quadro il match del Curi tra Perugia e Cremonese.

28 marzo ore 20.30

Ascoli-Bari (Stadio Del Duca) –  Cerca il terzo risultato utile consecutivo per tornare a credere fortemente nella salvezza l’Ascoli di Serse Cosmi che affronta nell’anticipo il Bari di Grosso, imbattuto da 7 turni. Ospiti in gol al Del Duca da 5 partite di fila, per un totale di 7 reti. L’ultimo digiuno pugliese risale allo 0-1 subito in Coppa Italia, in data 23 agosto 2008. Si tratta della striscia realizzativa record per i biancorossi nelle Marche, che eguaglia quella messa insieme tra il 1981/82 ed il 1991/92, quando le reti baresi furono 10. La partita storica – tra i 24 precedenti al Del Duca – è senza dubbio quella datata 23 aprile 1978, vittoria bianconera per 2-0 e promozione aritmetica in serie A, con le reti determinanti di Ambu e Pasinato. Era l’Ascoli dei record di Mimmo Renna, che vinse quel campionato cadetto con 61 punti su 76 disponibili (38 giornate, la vittoria valeva ancora 2 punti) e che fu promosso con 7 turni di anticipo sulla fine del torneo.

Arbitro: Ros.

Diffidati: Bianchi, Buzzegoli, Mignanelli, Padella (Ascoli); Henderson, Improta, Petriccione (Bari).

Squalificati: Mignanelli (Ascoli).

 

29 marzo ore 20.30

Avellino-Parma (Stadio Partenio-Lombardi) – Cerca un successo che manca da oltre un mese l’Avellino che vuole tenere a distanza di sicurezza la zona calda della graduatoria. Avversario di turno quel Parma che ha vinto 3 delle ultime 4 gare disputate e vuole confermarsi in zona playoff. Formazione campana che ospita i ducali per la settima volta in match ufficiali ed è in vantaggio 4-1 nel bilancio, con 1 pareggio nella restante partita. Le prime 4 gare in Irpinia sono state vinte dai biancoverdi di casa, poi nelle ultime due hanno visto gli emiliani fare risultato, vittoria per 1-0 nella B 1989/90 e pareggio per 3-3 nella B 2008/09. L’ultimo successo avellinese risale al 5 marzo 1989, 2-0 in serie B, con i gol di Marulla su rigore e Baldieri.

Arbitro: Martinelli.

Diffidati: Castaldo, Di Tacchio, Falasco, Laverone (Avellino); Calaiò, Gagliolo, Gazzola, Iacoponi, Scozzarella (Parma).

3

Squalificati:

 

Brescia-Pescara (Stadio Rigamonti) – 3 sconfitte nelle ultime 4 partite giocate hanno portato il Brescia in zona playout. Le rondinelle cercano punti contro un Pescara che nonostante il cambio in panchina non è riuscito a trovare la vittoria, che manca oramai dal 10 febbraio scorso. Sono 28 i precedenti a Brescia con bilancio nettamente favorevole alla formazione lombarda, con 19 successi contro i 4 abruzzesi. Cinque i pareggi, l’ultimo dei quali risale al 12 maggio 1991, 1-1 in serie B; dopo si sono giocati al Rigamonti 17 confronti con 14 successi delle rondinelle e 3 biancazzurri.

Arbitro: Saia.

Diffidati: Meccariello (Brescia); Bovo, Carraro, Machin (Pescara).

Squalificati:

 

Carpi-Ternana Unicusano (Stadio Cabassi) – Nonostante il k.o. di Palermo, il Carpi continua a credere nel sogno playoff e con una vittoria potrebbe riportarsi all’ottavo posto. Serviranno quindi i 3 punti contro una Ternana Unicusano che, dopo aver fermato il Frosinone, vuole ripetersi per tornare a sperare in una salvezza che, a questo punto del campionato, appare complicata ma non irraggiungibile. Sono 5 i precedenti in terra emiliana: in bilancio 2 affermazioni biancorosse, 2 pareggi ed 1 successo rossoverde. In questi 450’ Carpi sempre in gol contro gli umbri: 7 le reti emiliane.

Arbitro: Pillitteri.

Diffidati: Mbakogu, Pasciuti (Carpi); Defendi, Favalli, Montalto, Valjent, Vitiello (Ternana Unicusano).

Squalificati: Brosco (Carpi).

 

Cittadella-Spezia (Stadio Tombolato) – Cancellare il k.o. nel derby è l’obiettivo del Cittadella che vuole tornare a correre contro lo Spezia, in astinenza da vittoria da poco più di un mese. Sono 8 i confronti ufficiali al Tombolato tra le due: in bilancio 5 successi a 2 per i padroni di casa, con un solo pareggio: 0-0, nella B 2012/13.

Arbitro: Marini.

Diffidati: Alfonso, Pasa, Settembrini, Strizzolo (Cittadella); Bolzoni, De Col, Giani, Granoche, Terzi (Spezia).

Squalificati: Mora (Spezia).

 

Empoli-Salernitana (Stadio Castellani) – Gara complicata per l’Empoli capolista che punta a proseguire la sua striscia di vittorie consecutive contro una delle compagini più in forma del torneo, quella Salernitana che ha vinto 3 delle ultime 4 gare disputate. Padroni di casa che hanno vinto le ultime 6 partite al Castellani contro i campani, in cui gli azzurri hanno segnato 18 gol. L’ultimo risultato positivo per i granata in Toscana risale al 3-0 in B, datato 28 novembre 1999, con le reti di Di Jorio, Di Michele e Guidoni. Al termine di quella gara Elio Gustinetti, allora coach empolese, venne sollevato dall’incarico.

Arbitro: Minelli.

Diffidati: Pasqual, Veseli (Empoli); Kiyine, Pucino (Salernitana).

Squalificati:

 

Foggia-Pro Vercelli (Stadio Zaccheria) – Nonostante la buona prova del Tardini, il Foggia è tornato a casa con 0 punti e vuole rifarsi sfruttando l’appoggio dei tifosi allo Zaccheria contro una Pro Vercelli che ha bisogno di punti per abbandonare la zona retrocessione.  Terzo confronto ufficiale allo Zaccheria: finora è sempre finita in pareggio, in ambedue i casi per 1-1, nella B 1935/36 e nella I Divisione Lega Pro 2011/12.

Arbitro: Guccini.

Diffidati: Agnelli (Foggia).

Squalificati: Loiacono (Foggia).

 

Frosinone-Venezia (Stadio Stirpe) – Vuole tornare a quella vittoria che manca oramai da inizio marzo il Frosinone di Longo contro un Venezia che ha perso solo una partita (peraltro contro la capolista Empoli nel finale) nelle ultime 9 gare giocate. Primo confronto in partite ufficiali tra le due squadre nel Lazio.

Arbitro: Serra.

Diffidati: Konè (Frosinone).

Squalificati:

 

Virtus Entella-Palermo (Stadio Comunale) – Due vittorie di fila hanno portato la Virtus Entella fuori dalla zona retrocessione ma i liguri non possono fermarsi per evitare di essere risucchiati nuovamente nella zona calda. Avversario di turno quel Palermo che ha nel mirino il secondo posto, considerando anche il match da recuperare rispetto al Frosinone. Prima volta a Chiavari tra biancazzurri e rosanero.

Arbitro: Fourneau.

Diffidati: La Mantia (Virtus Entella).

Squalificati:

 

30 marzo ore 19

Novara-Cesena (Stadio Piola) – Sfida salvezza al Piola con il Novara avanti di un punto rispetto al Cesena di Castori, in astinenza da vittoria dal 3 marzo. Sono 10 i precedenti al Piola tra le due squadre e nel 50% dei casi è stato pareggio: 5 volte. Il computo delle vittorie, invece, vede in leggero vantaggio i padroni di casa per 3-2.

Arbitro: Nasca.

Diffidati: Golubovic, Moscati (Novara); Perticone, Suagher (Cesena).

Squalificati: Mantovani, Sansone (Novara).

 

ore 21

Perugia-Cremonese (Stadio Curi) – Il 33° turno di campionato si chiude al Curi con il match tra il Perugia, in serie positiva da 7 gare, e la Cremonese che invece ha vinto solo una volta nel 2018 in campionato. Grigiorossi a digiuno a Perugia da 346’: l’ultima rete è stata firmata da Galvani al 14’ di Perugia-Cremonese 2-1, in B, il 10 giugno 1984. Da allora si contano i residui 76’ di quella gara e le 3 seguenti, sempre perdute dai grigiorossi, 0-1 nella B 1985/86, 0-2 nella Coppa Italia 1992/93 e 0-4 nella I Divisione 2009/10. La Cremonese ha perduto gli ultimi 4 confronti in Umbria e non fa risultato dal 14 ottobre 1982, 1-0 in cadetteria con gol decisivo di Bonomi.

Arbitro: Pinzani.

Diffidati: Bianco, Colombatto (Perugia); Cavion (Cremonese).

Squalificati:

Ultimi Articoli

Top News

Psoriasi, un corto per superare vergogna, depressione e isolamento

26 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – La psoriasi è molto più di una malattia della pelle. Per oltre 125 milioni di persone nel mondo, è una patologia “visibile”, complessa da gestire e fortemente caratterizzata da un impatto a livello psicologico e fisico superiore ad altre malattie croniche. Le persone con psoriasi devono spesso fare i conti con vergogna, […]

[…]