Avellino calcio, contro il Bari c’erano più persone previste dal regolamento: piovono multe

Il Procuratore Federale ha multato l’U.S. Avellino, la sua amministratrice unica Paola Luciano e il dirigente Marciano D’Avino a conclusione delle indagini della Procura Federale avviata per comprendere il motivo della presenza sugli spalti del Partenio-Lombardi di più persone previste dal regolamento, in occasione di Avellino-Bari del 10 aprile scorso.

L’Avellino è stato sanzionato di 1500 euro, D’Avino di 1250 euro e la Luciano di 500 euro. In pratica è stato accertato che nella zona 1 dello stadio erano presenti 142 persone anziché 130 e sugli spalti molte di più delle 105 previste dal regolamento.

Ecco il comunicato ufficiale integrale:

Vista la comunicazione della Procura Federale relativa al provvedimento di conclusione delle indagini di cui al procedimento n. 663 pf 20/21 adottato nei confronti della Sig.ra Paola LUCIANO, del Sig. Marciano D’AVINO, e della società U.S. AVELLINO 1912 S.R.L. avente ad oggetto la seguente condotta:

PAOLA LUCIANO, Amministratore Unico e Legale Rappresentante tesserata per la società U.S. Avellino 1912 S.r.l. all’epoca dei fatti, in violazione dell’art. 4, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, e delle “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, Versione 3 – 24 maggio 2020 – Aggiornamento del 23 giugno 2020, per non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto delle norme sopra richiamate in materia di organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, secondo quanto indicato dall’Allegato: Serie C – pianificazione personale per zone, in particolare, per aver consentito e, comunque, non impedito che durante la partita Avellino – Bari del giorno 10/04/2021, alle ore 17:30, nell’area “Interno Stadio – zona Tecnico/Sportiva-, fossero presenti 142 persone di cui: 11 calciatori titolari dell’U.S. Avellino, 12 calciatori di riserva dell’U.S. Avellino, 12 persone in panchina dell’U.S. Avellino, 1 addetto ufficio stampa dell’Avellino (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 1 match analyst dell’Avellino (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 11 calciatori titolari del Bari, 14 calciatori di riserva del Bari (a fronte delle 12 riserve per squadra consentiti dal protocollo in zona 1), 10 persone in panchina del Bari, 2 magazzinieri del Bari, 2 soggetti della delegazione dell’Avellino (ai quali è precluso l’accesso in zona 1 perché collocati dal protocollo in zona 2), 4 ufficiali di gara, 5 soggetti del servizio sanitario, 2 addetti al servizio di pulizia, 3 addetti DGE e steward, 3 addetti antincendio (ai quali è precluso l’accesso in zona 1 perché collocati dal protocollo in zona 2), 1 RSPP (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 6 ball boys, 2 delegati della Procura Federale, 2 delegati della Lega Pro, 2 manutentori del campo, 12 soggetti del personale di servizio, 2 operatori LED, 15 fotografi, 3 soggetti della produzione TV, 4 licenziatari TV, superando la soglia dei 130 partecipanti previsti dal protocollo federale all’interno della c.d. “zona 1”; nonché per aver consentito e, comunque, non impedito che durante la medesima partita fossero presenti circa 300 persone di cui 95 dichiarate tra: 6 soggetti della delegazione dell’U.S. Avellino, 4 della delegazione del Bari, 4 del servizio sanitario, 4 del servizio di pulizie, 3 DGE e steward, 2 addetti alla sicurezza, 18 del personale di servizio, 2 operatori LED, 30 giornalisti, 12 soggetti della produzione TV (a fronte dei 10 consentiti da protocollo in zona 2), 10 licenziatari TV, nonché un altro folto numero di partecipanti, non dichiarati negli elenchi forniti relativi al numero dei soggetti ammessi allo stadio, che sono facilmente riscontrabili attraverso il repertorio fotografico, video ed articoli di stampa relativi alla competizione, superando la soglia dei 105 soggetti previsti dal protocollo federale all’interno della c.d. “zona 2”, con ciò mettendo a rischio la salute di tutti coloro i quali erano collocati nella predetta area esponendoli al rischio di contagio da Covid-19;

MARCIANO D’AVINO, DGE tesserato per la società U.S. Avellino 1912 S.r.l. all’epoca dei fatti, in violazione dell’art. 4, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, e delle “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, Versione 3 – 24 maggio 2020 – Aggiornamento del 23 giugno 2020, per non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto delle norme sopra richiamate in materia di organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, secondo quanto indicato dall’Allegato: Serie C – pianificazione personale per zone, in particolare, per aver consentito e, comunque, non impedito che durante la partita Avellino – Bari del giorno 10/04/2021, alle ore 17:30, nell’area “Interno Stadio – zona Tecnico/Sportiva-, fossero presenti 142 persone di cui: 11 calciatori titolari dell’U.S. Avellino, 12 calciatori di riserva dell’U.S. Avellino, 12 persone in panchina dell’U.S. Avellino, 1 addetto ufficio stampa dell’Avellino (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 1 match analyst dell’Avellino (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 11 calciatori titolari del Bari, 14 calciatori di riserva del Bari (a fronte delle 12 riserve per squadra consentiti dal protocollo in zona 1), 10 persone in panchina del Bari, 2 magazzinieri del Bari, 2 soggetti della delegazione dell’Avellino (ai quali è precluso l’accesso in zona 1 perché collocati dal protocollo in zona 2), 4 ufficiali di gara, 5 soggetti del servizio sanitario, 2 addetti al servizio di pulizia, 3 addetti DGE e steward, 3 addetti antincendio (ai quali è precluso l’accesso in zona 1 perché collocati dal protocollo in zona 2), 1 RSPP (al quale è precluso l’accesso in zona 1 perché collocato dal protocollo in zona 2), 6 ball boys, 2 delegati della Procura Federale, 2 delegati della Lega Pro, 2 manutentori del campo, 12 soggetti del personale di servizio, 2 operatori LED, 15 fotografi, 3 soggetti della produzione TV, 4 licenziatari TV, superando la soglia dei 130 partecipanti previsti dal protocollo federale all’interno della c.d. “zona 1”; nonché per aver consentito e, comunque, non impedito che durante la medesima partita fossero presenti circa 300 persone di cui 95 dichiarate tra: 6 soggetti della delegazione dell’U.S. Avellino, 4 della delegazione del Bari, 4 del servizio sanitario, 4 del servizio di pulizie, 3 DGE e steward, 2 addetti alla sicurezza, 18 del personale di servizio, 2 operatori LED, 30 giornalisti, 12 soggetti della produzione TV (a fronte dei 10 consentiti da protocollo in zona 2), 10 licenziatari TV, nonché un altro folto numero di partecipanti, non dichiarati negli elenchi forniti relativi al numero dei soggetti ammessi allo stadio, che sono facilmente riscontrabili attraverso il repertorio fotografico, video ed articoli di stampa relativi alla competizione, superando la soglia dei 105 soggetti previsti dal protocollo federale all’interno della c.d. “zona 2”, con ciò mettendo a rischio la salute di tutti coloro i quali erano collocati nella predetta area esponendoli al rischio di contagio da Covid19;

U.S. AVELLINO 1912 S.R.L, per responsabilità diretta ed oggettiva, ai sensi dell’art. 6, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, nonché, per responsabilità propria per la violazione degli obblighi di cui al C.U. n° 78/A del 1/09/2020;

− vista la richiesta di applicazione della sanzione ex art. 126 del Codice di Giustizia Sportiva, formulata dal Sig. Marciano D’AVINO dalla Sig.ra Paola LUCIANO, in proprio, e in qualità di Amministratore Unico e Legale Rappresentante per conto della società U.S. AVELLINO 1912 S.R.L;

− vista l’informazione trasmessa alla Procura Generale dello Sport; − vista la prestazione del consenso da parte della Procura Federale; − rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di € 500,00 (cinquecento/00) di ammenda per la Sig. ra Paola LUCIANO, di € 1250,00 (milleduecentocinquanta/00) di ammenda per il Sig. Marciano D’AVINO, e di € 1.500,00 (millecinquecento/00) di ammenda per la società U.S. AVELLINO 1912 S.R.L;

− si rende noto l’accordo come sopra menzionato.

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 26/10/2021

26 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Eitan torna in Italia: lo ha deciso il Tribunale della famiglia di Tel Aviv – Consumi in fase di assestamento: +1% su settembre 2020 – Onu: preoccupa l’aumento del tasso di […]

Top News

Vaccino, Sileri “Verosimile la terza dose per tutti”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Per chi ha fatto Johnson&Johnson servirà un richiamo in tempi molto brevi: a sei mesi dalla vaccinazione si inizierà a procedere, tenendo in considerazione l’età, ma verosimilmente una terza dose sarà necessaria per tutti”. Così il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite a The Breakfast Club su Radio Capital. “Entro l’anno si […]

[…]

Top News

Mattarella “Determinazione per la ripartenza, no a teorie antiscientifiche”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La ripartenza è una strada nuova. Dobbiamo percorrerla con determinazione e con speranza. Come è accaduto in altri momenti della nostra storia, quando nel dopoguerra la ricostruzione è cominciata dalle macerie, quando un nuovo modello sociale, più capace di benessere, di opportunità e diritti, è scaturito dal concorso di forze e di […]

[…]

Top News

Ictus, il fattore tempo decisivo per salvare vite

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti nè stare in equilibrio: questi […]

[…]

Top News

Il “Dekra Road Safety Award 2021” al Politecnico di Milano

26 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ stato assegnato al Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, il Premio Internazionale “Dekra Road Safety Award 2021” giunto alla quarta edizione. A ritirare il premio Marco Bocciolone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica. Il riconoscimento, che valorizza le realtà italiane, aziende o figure professionali più attive e brillanti nell’ambito della […]

[…]