Coronavirus, ripresa graduale delle attività se il contagio rallenta: chi riapre prima e chi per ultimo

Per la ripresa delle attività in tempi relativamente brevi dipenderà tutto dal Coronavirus e dal comportamento degli italiani, piuttosto irresponsabili soprattutto negli ultimi giorni, a tal punto da far propendere per una quarantena fino a fine aprile.

Se la potenza del contagio dovesse scemare sensibilmente (rapporto uno a uno, una persona contagia al massimo un’altra persona), questo porterebbe alla riapertura graduale delle attività commerciali, ludiche e ristorative, oltre che delle scuole e delle università su tutto il territorio italiano.

La ripresa a scaglioni potrebbe iniziare dopo il 18 aprile, per subire l’accelerata per i primi di maggio, nel caso in cui dovesse diminuire sensibilmente il numero di contagi quotidiani.

Evitare gli assembramenti resta l’obiettivo del Governo, ecco perché bar, ristoranti, discoteche, cinema e teatri, che non garantiscono la corretta distanza tra un soggetto e l’altro, dovrebbero riaprire per ultimi (inizio-metà maggio?).

Tra le prime attività a beneficiare della graduale riapertura, ma non prima del 18 aprile, ci sono alcune fabbriche, come quelle che operano nella filiera agroalimentare, farmaceutica, meccanica e logistica. Stesso discorso per alcuni negozi, come quelli di abbigliamento, che potrebbero far rispettare la distanza interpersonale.

Ultimi Articoli

Attualità

Coronavirus, i dati in Irpinia del 30 maggio: un solo positivo su 190 tamponi

30 Maggio 2020 0

Un solo positivio su 190 tamponi processati dall’AORN “Moscati” di Avellino, dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, dall’Istituto di Ricerche Genetiche BIOGEM di Ariano Irpino, dall’Azienda Ospedaliera “San Pio” di Benevento e dall’Ospedale “Cotugno” di Napoli. […]