Avellino, è il giorno di Festa: “Avellino rinascerà”. Ecco il nuovo Consiglio Comunale

Gianluca Festa si è insediato al Comune di Avellino e con lui il nuovo Consiglio Comunale.

Il 60% dei consiglieri eletti appartengono allo schieramento del neo-Sindaco e sono: Giuseppe Negrone, Marianna Mazza, Antonio Genovese, Ugo Maggio, Antonello De Renzi, Gennaro Cesa, Giovanna Vecchione e Luigi Preziosi appartenenti alla lista Davvero; Diego Guerriero, Antonia Iannuzzi, Giovanni Cucciniello, appartenenti alla lista Viva la Libertà; Laura Nargi, Gianluca Gaeta, Antonia Cosmo, Giuseppe Giacobbe, Teresa Cucciniello e Francesca De Vito, appartenenti alla lista Ora Avellino; Stefano Luongo, Gerardo Medugno e Guido D’Avanzo, appartenenti alla lista Vera.

A loro si aggiungono i consiglieri eletti appartenenti allo schieramento di Luca Cipriano, sconfitto al ballottaggio, e sono: Ettore Iacovacci e Francesco Russo del Partito Democratico; Nicola Giordano e Carmine Montanile di Laboratorio Avellino; Marietta Giordano della lista Mai Più e Francesco Iandolo di Avellino Più.

Infine nel ruolo di consiglieri anche i candidati Sindaco: Amalio Santoro (Si Può), Biancamaria D’Agostino (Lega), Ferdinando Picariello e Luigi Urciuoli (M5s), Dino Preziosi (Forza Italia e La Svolta inizia da te).

Commosso Gianluca Festa, che ha dedicato la vittoria al padre scomparso, delineando i primi obiettivi da raggiungere: “La città di Avellino rinascerà. Ho lavorato anni per raggiungere questo obiettivo, sacrificandomi tanto. Al mio fianco ci sono persone che ci hanno messo la faccia. La vittoria la dedico a chi ha sempre creduto in me. Un ringraziamento particolare va a Livio Petitto e ad Angelo Antonio D’Agostino. Il Consiglio Comunale è rinnovato al 70%, senza i soliti “capoccioni” e “politicanti” vari. Sappiamo che affronteremo un cammino tortuoso e che Avellino ha bisogno di un governo stabile”.

Infine il ringraziamento all’ex commissario prefettizio Giuseppe Priolo: “Ha fatto tanto per questa città e voglio consegnargli la cittadinanza comunale. Ridaremo ad Avellino lo splendore che merità, iniziando dalle cose normali, come la manutenzione del verde pubblico, la pulizia dei luoghi simbolo, il decoro urbano. Dovremo recuperare storia e memoria. Da lunedì avvieremo i primi incontri, valorizzeremo le nostre risorse a partire da questa estate”.

Ultimi Articoli