Il Decreto Dignità potrebbe distruggere il gaming legale in Italia?

Con il Decreto Dignità varato dal Governo Conte e fortemente voluto dal leader del Movimento Cinque Stelle, Di Maio, rischia di saltare il banco per quanto riguarda il discorso gaming online in Italia. Questo dovrebbe creare una frattura netta e volutamente proibizionista nei confronti di quel Decreto Abruzzo che quasi 10 anni fa apriva le porte al gioco e alla sua liberalizzazione nel nostro Paese. Stiamo ai fatti: il Decreto Dignità, nonostante quello che abbiamo letto finora, contiene una proroga per un anno, per le realtà di gioco che hanno sottoscritto un contratto duraturo. Di fatto i siti di scommesse sportive e di casinò online stipulano questo tipo di contratto, mediamente biennali con chi si occupa di pubblicità e comunicazione. Ora mentre il gioco in Italia è stato ampiamente liberalizzato e promosso dai governi precedenti, simultaneamente nascevano movimenti il cui obiettivo era quello di limitare il gioco e gli orari delle sale slot Vlt, presenti nella gran parte dei comuni del nostro territorio. Come riportato da diverse testate, è davvero possibile rendere illegale la pubblicità di una cosa legale? In teoria sì, ma in pratica le cose stanno diversamente e sono evidentemente più complesse rispetto a quanto affermato dal leader del Movimento Cinque Stelle.

Chiunque desideri visitare o provare un sito di scommesse e di gioco online come quello di https://www.leovegas.it/it-it/ può verificare personalmente che le sale da gioco sono perfettamente funzionanti e sempre regolamentate dall’ente AAMS che si occupa di gestire il gioco in modo legale e trasparente. Bisogna tuttavia andare a capire quali saranno gli effetti futuri e nel breve tempo per il gioco, specialmente quando ripartiranno i campionato di calcio professionistico. In effetti in Italia l’industria del gioco d’azzardo poggia su tre diversi segmenti: lotterie, scommesse sportive, giochi da casinò, sia di tipo fisico che digitale. Tuttavia, se le cose andranno come abbiamo già potuto verificare tutto è nelle mani degli utenti, che possono liberamente digitare su google le parole chiave come “casinò online”, “poker room” o “quote per scommesse sportive” per accedere ai siti di gioco specializzati nel gioco d’azzardo legale. Tuttavia bisogna anche dire che la campagna mediatica pro e contro i giochi si trova solo in una prima fase di elaborazione e sviluppo.

Come abbiamo imparato negli anni passati, sono argomenti che vengono metabolizzati e accantonati. Nel giro di qualche mese, il gioco tornerà ad essere argomento di interesse per veri appassionati, mentre la politica e l’opinione pubblica si concentrerà su altri e speriamo più importanti notizie per il bene della collettività. Il gioco deve essere praticato sempre in modo consapevole e con moderazione. Nessuna campagna proibizionistica deve infatti cambiare l’utilizzo di questi strumenti, come spesso può avvenire, per andare contro lo status quo. Chi si occupa di queste realtà naturalmente è consapevole che la cattiva pubblicità ha un duplice effetto: da un lato fa aumentare la visibilità e quindi il potenziale pubblico a livello di network, mentre nel breve periodo potrebbe esserci un calo di utenti attivi quantificabili con un 20% in meno di fatturato per la seconda parte del 2018. Staremo comunque a vedere cosa accadrà di concreto e fattivo, aldilà dei proclami e di quello che sarà l’effetto reale post- Decreto Dignità.

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 11/10/2021

11 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Covid-19, 2.278 casi nelle ultime 24 ore – Roma, Palazzo Chigi prende provvedimenti dopo la manifestazione no green pass sfociata in violenza – Pagamenti digitali: in netto aumento con il Cashback […]

Top News

Incremento acquisito Pil 2021 al 4,7%

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La revisione dei conti nazionali annuali ha confermato che, in base ai dati dei primi due trimestri, l’incremento acquisito del Pil italiano per il 2021 è pari al 4,7%. E’ quanto sottolinea l’Istat nella Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana. Il Pil in volume è risultato in calo dell’8,9% nel 2020 mentre i […]

[…]

Top News

Banche, ad agosto prestiti +1,8% su base annua

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dell’1,8 per cento sui dodici mesi (2,1 nel mese precedente). I prestiti alle famiglie sono aumentati del 3,7 per cento sui dodici mesi (3,8 nel mese precedente) […]

[…]

Top News

Pmi, il digitale per risolvere il problema della carenza di liquidità

11 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Secondo le stime dell’Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano il mercato potenziale del credito di filiera in Italia ammonta ad una cifra tra i 450 e i 490 miliardi di euro, di cui soltanto circa 25% è già servito. Il potenziale di sviluppo è dunque molto […]

[…]

Top News

Anno della Frutta e Verdura, torna “Il Piantastorie” di Bayer in podcast

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – In omaggio all’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura (AIFV) promosso dalla FAO, Bayer Italia prosegue nel suo racconto per promuovere buone pratiche agricole e uno stile di vita sano. Lanciato nel 2020 in occasione dell’Anno Internazionale della Salute delle Piante, la nuova edizione de Il Piantastorie in versione podcast vuole accompagnare […]

[…]

Top News

Ad agosto produzione industriale in lieve calo

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto 2021 l’Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,2% rispetto a luglio. Nella media del trimestre giugno-agosto il livello della produzione cresce dell’1,1% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile cresce su base congiunturale per i beni strumentali (+0,8%), mentre diminuisce per l’energia (-2,1%), i beni […]

[…]