Posti di blocco ad Avellino: C’è poco da scherzare «Dove va? Ha l’autocertificazione?»

Adesso si fa sul serio: dopo un paio di giorni di semi-tolleranza, con un sistema di controllo cosiddetto a vista, ora si passa ai posti di blocco.

Le immagini che vi proponiamo sono state scattate alle 21,30 all’altezza dell’incrocio tra Via de Conciliis con Corso Vittorio Emanuele e Viale Italia, ad Avellino.

Due pattuglie – vigili urbani e Carabinieri – hanno provveduto a controllare decine di persone che andavano in giro lungo le strade di Avellino, sia a piedi che in automobile.

Per quanto riguarda la Polizia Municipale, il comandante Arvonio ha disposto un servizio delle pattuglie fino a mezzanotte, con la ripresa del servizio alle ore 07,00 per verificare con severità quanti escono da casa.

Ciò anche in ossequio alle rigide disposizioni emanate dal Presidente della Regione Campania.

I Carabinieri restano in servizio pure durante la notte, ininterrottamente.

Controlli severi

Paletta, verbali, guanti, mascherina. Ecco la dotazione di chi deve salvaguardare la salute dei cittadini seri e ossequiosi alle disposizioni, controllando quelli che escono da casa, verificando se questi rispettinino le regole.

Così capita che le pattuglie solitamente impegnate a controllare la circolazione dei veicoli, verificare se ad esempio si fa uso del telefonino mentre si guida, si ritrovino in strada a verificare il rispetto delle norme anti-contagio.

«Dove va? Cosa sta facendo? Ha l’autocertificazione?», queste le domande rivolte a chi andava in giro in un orario in cui pure le farmacie e i negozi di generi alimentari sono chiusi.

Qualcuno cerca di trovare scusanti di vario genere, dalle più banali alle più fantasione.

Nessuna scusante, dunque, neanche legata all’attività lavorativa, considerando l’ora tarda: salvo rarissime eccezioni.

3

E così sono scattate le sanzioni, quelle pecuniarie (206,00 euro) che fanno più male di una possibile denuncia che porterebbe alla condanna fino a tre mesi di reclusione.

La punizione… della tasca è più dura di una condanna con pena sospesa, sempre che non si abbiamo altri carichi pendenti che si sommerebbero a quello nuovo.

Indispensabile, insomma, avere una autocertificazione e soprattutto dichiarare la verità, altrimenti scatta la denuncia ai sensi dell’art. 374 codice penale per “False dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria”. In quel caso si rischiano da uno a cinque anni di reclusione.

Un fatto è certo: c’è poco da scherzare o inventare scusanti.

Tolleranza zero, nell’interesse della collettività che non può rischiare la salute per colpa di qualche deficiente.

Ultimi Articoli

Top News

Recovery Fund, per Bankitalia possibile impatto 3 punti Pil entro 2025

7 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “L’incertezza riguardo agli effetti del nuovo strumento europeo sull’economia italiana è dunque al momento molto elevata, date le limitate informazioni disponibili sull’ammontare delle risorse che verranno concesse e sul loro utilizzo”. Così Fabrizio Balassone, capo del Servizio Struttura economica di Bankitalia, in audizione presso la commissione Bilancio della Camera sull’individuazione delle priorità […]

[…]

Top News

Coronavirus, 1.108 nuovi positivi in 24 ore

7 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Ci sono 1.108 nuovi positivi al Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. Un dato ancora in calo, con 189 nuovi casi in meno rispetto ai 1.297 di ieri. E’ quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile. Il totale dei casi da inizio pandemia sale a […]

[…]

Top News

Nasce il Tg di Poste Italiane per raccontare l’Italia che cambia

7 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Una nuova voce nel mondo dell’informazione: è Tg Poste, il telegiornale di Poste Italiane in onda da oggi per raccontare l’Italia che cambia. Tg Poste andrà in onda ogni giorno, dal lunedì al venerdì, alle 12 e sarà trasmesso in diretta dai nuovi studi di viale Europa a Roma, nella sede centrale […]

[…]

Top News

Covid, Speranza “Su vaccino passi avanti, ma non abbassare la guardia”

7 Settembre 2020 0
SIENA (ITALPRESS) – “Vanno bene i soldi del Recovery fund, quelli del Mes, e le somme del bilancio dello Stato, purchè arrivino al servizio sanitario nazionale” in modo che io sia “contento, soddisfatto, e spingo assolutamente in questa direzione”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza a margine di un evento alla Fondazione Toscana Life […]

[…]