Al norvegese Kristoff prima tappa e maglia gialla al Tour2020

NIZZA (FRANCIA) (ITALPRESS) – Alexander Kristoff ha vinto in volata la prima tappa dell’edizione numero 107 del Tour de France, la Nizza Moyen Pays-Nizza di 156 chilometri. Il corridore norvegese della UAE-Emirates taglia per primo il traguardo nel primo sprint di questa Grande Boucle e precede il danese Mads Pedersen nell’arrivo di gruppo dedicato alle ruote veloci. Quinto Peter Sagan, poi Elia Viviani e settimo Giacomo Nizzolo. Con il successo ottenuto a Nizza Kristoff si prende anche la soddisfazione di essere la prima maglia gialla della Tour 2020. Una tappa caratterizzata dalla pioggia costante che ha reso viscido l’asfalto e provocato diverse cadute, per fortuna senza gravi conseguenze a livello fisico per i corridori. Negli ultimi 40 km tacito accordo per ridurre al minimo i rischi con l’andatura che è decisamente calata. Nessun problema per i big della corsa transalpina come Egan Bernal e Primoz Roglic, arrivati insieme al plotone compatto, mentre Thibaut Pinot è caduto ma a meno di 3 km dal termine, dunque all’interno del tratto neutralizzato. Domani in programma la seconda frazione, ancora nei pressi della capitale della Costa Azzurra: la Nizza Haut Pays-Nizza di 186 chilometri, tappa di montagna con tre GPM adatta all’attacco di un finisseur e con possibili schermaglie tra i big.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Vaccino, possibile usare Astrazeneca fino a 65 anni

23 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – A seguito del parere del CTS dell’Aifa e alle successive precisazioni del Consiglio Superiore di Sanità, in una circolare il ministero della Salute sottolinea la la possibilità di utilizzo del vaccino Covid-19 di Astrazeneca nella fascia di età compresa tra i 18 e i 65 anni, a eccezione dei soggetti estremamente vulnerabili. […]

[…]

Top News

Covid, Cittadini “Aiop a disposizione per la campagna vaccinale”

23 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – L’idea di dare la piena disponibilità al Governo per la campagna vaccinale “è maturata nel lungo periodo in cui abbiamo sperimentato la nostra potenzialità sul fronte Covid. Quando è scoppiata la pandemia, le nostre strutture sono state chiamate, come componente di diritto privato, a svolgere un ruolo attivo per far fronte all’emergenza […]

[…]