Morero: “Darò il massimo dentro e fuori dal campo. De Cesare? Non l’ho sentito”

Santiago Morero ha deciso nuovamente di sposare la causa biancoverde: “L’attesa è stata lunga, i problemi ci sono e spero verranno risolti, ma ho voluto fortemente restare ad Avellino, una piazza che mi ha dato la possibilità di tornare in Serie B e con la quale mi sentirò sempre in debito. L’Avellino fa parte della mia famiglia e quando un familiare è in difficoltà non lo si abbandona”, ha detto il difensore argentino in conferenza stampa.

Per la terza stagione di fila giocherà all’ombra del Partenio: “Darò la mia in campo e sotto il profilo umano. Ho seguito la vicenda, la tifoseria si aspettava un campionato diverso, dopo gli ottimi risultati raggiunti l’anno scorso, ma sono certo che non ci abbandonerà. Porterò sempre nel cuore gli applausi che ho ricevuto al mio ingresso in campo, qualche giorno fa. Chi verrà a giocare ad Avellino dovrà calarsi in una situazione complicata e andare oltre le proprie possibilità. Ho ricevuto diverse chiamate di calciatori che vogliono venire qui, perché Avellino è una piazza affascinante in ogni caso. Di Paolantonio? L’ho sentito, per il suo bene e il suo futuro gli consiglio di restare in Irpinia. Alfageme? Mi ha sempre detto che se fossi rimasto ad Avellino, sarebbe rimasto anche lui, e così è stato”.

Un pensiero su Ignoffo, Bucaro e De Cesare: “Ho conosciuto Ignoffo, mi ha detto cosa si aspetta da me e so che tirerà fuori il meglio da noi stessi. Bucaro l’ho sentito e ringraziato per la splendida stagione vissuta assieme, spero possa presto trovare una squadra. De Cesare? Non l’ho visto, né sentito, so che sta lavorando per risolvere i problemi e mi fido di lui. L’anno scorso, a Sturno, stavamo addirittura messi peggio…”.

Ultimi Articoli

Top News

Dell’Aquila “Piedi per terra, ora penso al Mondiale”

17 Ottobre 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – “Quando ho capito che potevo vincere l’oro? L’ho realizzato subito, anche se la mia faccia incredula alla fine dell’incontro non lo dimostrava”. Vito Dell’Aquila è entrato nella storia del taekwondo italiano conquistando il primo oro azzurro in questa disciplina alle Olimpiadi di Tokyo2020. Un successo straordinario:”Lo sognavo da tanto tempo e ci […]

[…]

Top News

Primo successo Cagliari, 3-1 alla Samp doppietta Joao Pedro

17 Ottobre 2021 0
CAGLIARI (ITALPRESS) – Il primo successo del Cagliari in campionato arriva in casa contro la Sampdoria. Nel lunch match dell’ottava giornata di campionato i rossoblù vincono 3-1 grazie alla doppietta di Joao Pedro e alla rete di Caceres. Inutile per i blucerchiati il gol di Thorsby. I sardi agganciano a quota 6 proprio i liguri […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi, alle 12 affluenza sotto il 10%

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Urne aperte per i ballottaggi. Si vota oggi fino alle 23 e domani, dalle ore 7 alle 15. L’affluenza alle 12 è al 9.73%, mentre al primo turno era stata del 12.18%. Dopo i risultati di 3 e 4 ottobre, quando si è tenuto il primo turno, resta ancora da decidere il […]

[…]

Top News

Ballottaggi, alle 12 affluenza al 9.73%

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Alle 12 ha votato il 9,73% per i ballottaggi nei 63 Comuni chiamati al voto. La rilevazione è del Viminale e non tiene conto delle comunali in Friuli Venezia Giulia. Al primo turno alla stessa ora aveva votato il 12,18 per cento. (ITALPRESS).

[…]

Top News

Industria e distribuzione a governo, tavolo filiera prezzi materie prime

17 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – L’industria dei beni di consumo e le aziende della distribuzione moderna chiedono al governo di aprire un tavolo di filiera per valutare le possibili conseguenze del rincaro dei prezzi delle materie prime ed energetiche sulla ripresa economica. La comunicazione, siglata dai Presidenti di Centromarca e IBC – Associazione Industrie Beni di Consumo […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi, occhi puntati su Roma e Torino

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Urne aperte per i ballottaggi. Si vota oggi fino alle 23 e domani, dalle ore 7 alle 15. Dopo i risultati di 3 e 4 ottobre, quando si è tenuto il primo turno, resta ancora da decidere il futuro di 65 comuni in Italia, dove gli elettori dovranno scegliere i sindaci delle […]

[…]