E lo chiamano Giro d’Italia, Sud dimenticato: ma a chi volete prendere in Giro?

L’attesa è finita, finalmente è stato svelato il percorso dell’edizione numero 104 di quello che viene eufemisticamente denominato il Giro d’Italia di ciclismo.

Ma a chi volete prendere in Giro?

Chiamiamatelo Giro di mezz’Italia, fate più bella figura ed evitate di provocare le giuste e comprensibili reazioni degli appassionati del Sud, dove sono tantissimi i tesserati e i “malati” dello sport delle due ruote.

Giro d’Italia?

In realtà così non è, con la parte meridionale della penisola (isole comprese) completamente trascurata, esclusa da una competizione che porta in nome dello Stato italiano, per intero.

Stavolta il giro disegnato da Mauro Vegni arriva fino a Foggia, forse per rispetto nei confronti dell’illustre cittadino ed ormai ex premier Giuseppe Conte.

Se ne poteva fare a meno e scegliere altre sedi di arrivo o partenza, perchè appena due anni fa il Giro è arrivato in un territorioche aveva egualmente rappresentato il punto più a sud.

Quella sesta tappa quella di 238 chilometri da Cassino a San Giovanni Rotondo, fu vinta da Fausto Masnada, un corridore della Androni-Sidermec, la battagliera formazione italiana non invitata quest’anno al Giro d’Italia che parte da Torino, dove ha sede il team diretto da Gianni Savio.

Lo fanno apposta?

Sono queste le contraddizioni di chi sta facendo di tutto per fare schifare il ciclismo ai meridionali i quali potranno godere lo spettacolo del Giro attraverso le immagini televisive, urlare dinanzi al teleschermo i nomi dei corridori per spronarli in salita, applaudirli dal salotto buono sgranocchiando un pasticcino.

Che dire? Saranno felici appena appena gli appassionati del Sannio, accontentati con una tappa che arriverà sabato 15 maggio a Guardia Sanframondi, dove gli organizzatori potranno incassare il generoso cachet messo a disposizione dall’amministrazione comunale.

Poi si ritornerà in tutta fretta verso nord, verso altre destinazioni diverse (si sconfinerà pure in Slovenia…) da quelle che potevano essere magari Napoli, Salerno, Bari, Catanzaro, Matera che fu trascurata pure nell’anno in cui è stata Capitale europea della Cultura, per non dire della Sicilia che avrà Vincenzo Nibali, però, quale rappresentante in corsa. Vuoi mettere?

Gli italiani del Sud sommessamente ringraziano gli organizzatori che hanno preferito fare cassa pure stavolta.

3

Evviva il Giro, evviva l’Italia.

Ecco il percorso e buon divertimento.

Ultimi Articoli

Top News

Pizzolato oro e Durante argento agli Europei di Pesi

7 Aprile 2021 0
MOSCA (RUSSIA) (ITALPRESS) – Nino Pizzolato entra nella storia conquistando per la seconda volta consecutiva il titolo di campione europeo nella categoria 81 kg a Mosca. L’azzurro è stato protagonista di una gara a dir poco perfetta, con 6 alzate valide su 6 e un totale di 370 kg, che gli consente di scavalcare il […]

[…]

Top News

Vaccino AstraZeneca, “uso preferenziale” per gli over 60

7 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “In queste ultime ore i comitati di farmaco-vigilanza e dei vaccini, di Ema e Aifa, hanno valutato nuovi dati per quel che riguarda lo sviluppo di fenomeni trombotici a carico dei seni venosi celebrali, la valutazione fatta dal comitato dell’Ema, è che il nesso di causalità, non dimostrato definitivamente, è stato rilevato […]

[…]

Top News

La Juve batte il Napoli 2-1 nello ‘spareggio Champions’

7 Aprile 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Ronaldo e un ritrovato Dybala regalano alla Juventus i tre punti nello spareggio che vale la Champions contro il Napoli. Il recupero della terza giornata di Serie A, giocato dopo più di sei mesi e dopo tre gradi di giudizio nelle aule dei tribunali sportivi, termina 2-1 e consente ai ragazzi di […]

[…]