Calcio, l’Avellino è Forte: quando il migliore in campo è il portiere

Le pagelle e i commenti relativi all’anticipo Avellino-Cavese hanno fornito un dato unanime: migliore in campo della partita tra l’aspirante alla promozione in B (Avellino) e la cenerentola del girone C di lega Pro (Cavese) è stato il portiere Francesco Forte.

Cosa significa? Semplicemente che a salvare il risultato è stato il 29enne portiere dell’Avellino, rivelatosi determinate in almeno due occasioni.

Non altrettanto determinanti sono stati i 4 attaccanti avvicendatisi in una squadra che a metà stagione ancora non ha una fisionomia reale, una idea di gioco effettiva, una squadra senza grinta nè voglia di ottenere risultati importanti.

Fare gol dopo dieci minuti e poi comportarsi come un impiegato statale in smart working (senza offesa per tale categoria) significa non avere “fame” ovvero di essere giocatori con la pancia piena, come pure il portafogli.

Tesserati con lauti contratti triennali, in pratica con il piano pensione assicurato, perchè dovrebbero impegnarsi allo spasimo con il rischio di farsi male?

Classifica

Dicono: però l’Avellino è terzo in classifica.

Vero, verissimo, nel calcio contano i risultati e più di ogni altra cosa la classifica.

A parte che c’è il Catanzaro con una partita in meno e tante squadre raccolte in un fazzoletto di punti, viene da domandarsi?

Quanti punti ha sprecato finora l’Avellino con l’atteggiamento irritante mostrato pure contro la Cavese?

In un campionato talmente scadente da fare apparire fuoriclasse anche autentiche scamorze, con una squadra più “tosta”, l’Avellino oggi sarebbe stato almeno al secondo posto.

In Lega Pro il secondo posto finale è il “primo degli sfigati”, come il secondo al traguardo nel ciclismo.

3

Figuriamoci il terzo.

Vanno direttamente in B le prime classificate di ogni girone, tutte le altre – dalla seconda in poi, accedono ai playoff.

Regolamento

Accedono dalla Lega Pro alla Serie B quattro squadre: le tre vincitrici dei rispettivi gironi, più la vincitrice dei playoff.

I  playoff sono aperti a 28 squadre: in virtù del piazzamento in classifica, 21 di queste entrano da subito in tabellone disputando le fasi “di girone”; le restanti 7 sono ammesse direttamente ai playoff “nazionali”.

Insomma, una su 28 ce la fa, se non arriva prima, ad andare in B.

Dicono pure: chi se ne fotte dello spettacolo?, importante è vincere.

Vero anche questo ma non sempre lo spettacolo indecoroso viene accompagnato da vittorie.

Se giochi bene, quasi sempre vinci, se offri prestazioni indecenti, occorre ricorrere al fattore K (quello con cui Arrigo Sacchi sottindedeva “culo) oppure avere un giocatore Forte tra i pali.

E allora, visto che il mercato è ancora aperto e resta da giocare l’altra metà del campionato, azzardare la possibilità di chiudere la stagione al secondo posto oppure immaginare un crollo della Ternana e puntare il primo, non è fantacalcio nè fantascienza.

Semplice il ragionamento: se giocando da schifo siamo al terzo posto, magari rimodellando la squadra e azzardando un cambio di mentalità, si potrebbe fare davvero di più.

Le disponibilità economiche non mancano, è il momento di investire per puntare alla B, altrimenti c’è il rischio di mordersi le mani a maggio e giocare nel futuro Dag Stadium con una squadretta di basso livello.

Con Sibilia

Le condizioni per andare in B ci sono tutte: la squadra è buona ma deve esprimere le sue reali potenzialità, questo per l’aspetto tecnico su cui la proprietà dell’Avellino deve interrogarsi su cosa fare concretamente, anzichè gettare via soldi inutilmente, come ai tempi del Gallia di Milano dove i presidenti venivano etichettati “ricchi scemi” dagli operatori di mercato.

Il presidente D’Agostino che scemo non è (ricco, invece, si), vanta una solidità economica rilevante ed è appena entrato nella stanza dei bottoni, consigliere di Lega Pro al fianco di Francesco Ghirelli, con il quale vanta un rapporto eccellente.

A breve potrebbe esserci Cosimo Sibilia al vertice della Figc, candidato alla presidenza, seppure il suo attuale incarico di leader della lega di serie D sia altrettanto importante.

Nel 1978 quando l’Avellino salì in serie A, c’era Federico Sordillo presidente del settore tecnico della Figc, poi divenuto numero uno dei calcio italiano, divenuto poi campione del mondo con la nazionale azzurra nel 1982. Con lui don Antonio Sibilia aveva un ottimo rapporto.

Corsi e ricorsi storici dei padroni del calcio: Sordillo era di Pietradefusi, Sibilia è di Mercogliano e l’Avellino... è sempre l’Avellino

Ultimi Articoli

Top News

Basta un pari, Milan agli ottavi di Europa League

25 Febbraio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Dopo la pesante sconfitta nel derby, il Milan centra l’obiettivo della qualificazione agli ottavi di finale di Europa League. Ai rossoneri basta l’1-1 di San Siro grazie alle due reti segnate nel pareggio dell’andata, ma non si lasciano del tutto alle spalle un periodo complicato. Ogni timore sembra poter essere scacciato via […]

[…]

Top News

Braga ancora battuto, Roma agli ottavi di Europa League

25 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La Roma si qualifica per gli ottavi di finale di Europa League ma perde Dzeko per infortunio. All’Olimpico la squadra giallorossa batte il Braga 3-1 con gol del bosniaco (costretto ad uscire per un problema muscolare), di Carles Perez e Borja Mayoral. All’Olimpico Fonseca lancia El Shaarawy dal 1′. E l’italoegiziano ricambia […]

[…]

Top News

Il Napoli vince ma non basta: eliminato dall’Europa League

25 Febbraio 2021 0
NAPOLI (ITALPRESS) – La corsa europea del Napoli si ferma ai sedicesimi di finale di Europa League. Allo stadio Maradona gli azzurri superano il Granada 2-1 con reti di Zielinski e Fabian Ruiz, ma vengono eliminati in virtù dello 0-2 subito all’andata in Spagna. Gattuso rispolvera la difesa a tre guidata dal rientrante Koulibaly e […]

[…]

Top News

Il Napoli vince ma non basta: eliminato dall’Europa League

25 Febbraio 2021 0
NAPOLI (ITALPRESS) – La corsa europea del Napoli si ferma ai sedicesimi di finale di Europa League. Allo stadio Maradona gli azzurri superano il Granada 2-1 con reti di Zielinski e Fabian Ruiz, ma vengono eliminati in virtù dello 0-2 subito all’andata in Spagna. Gattuso rispolvera la difesa a tre guidata dal rientrante Koulibaly e […]

[…]

Top News

“La bambina che non voleva cantare”, su Rai1 il film tv su Nada

25 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono la bambina che non voleva cantare… Pensate se avessi voluto!”. Scherza Nada durante la presentazione del film “La bambina che non voleva cantare” che la regista Costanza Quatriglio ha dedicato alla sua storia raccontata nel romanzo “Il mio cuore umano”. Raiuno lo propone mercoledì 10 marzo in prima serata, subito dopo […]

[…]