Avellino calcio, ex tesserato non pagato: club messo in mora

CALCIO AVELLINO-LANUSEI 2-0 (1)

L’U.S. Avellino è stata messa in mora dal suo ex portiere Domenico Longobardi, tesserato e mai schierato in campo durante la passata stagione di Serie D.

L’atleta contesta il mancato pagamento della mensilità di giugno 2019, non percepita dalla vecchia proprietà Sidigas. A dare l’annuncio, il padre avvocato, il quale in una nota spera di poter comunicare al più presto l’avvenuto pagamento di quanto dovuto al figlio.

Longobardi si unisce a Ciotola, Lagomarsini, Capitanio e Dondoni, i quali hanno vinto la causa contro il club irpino, che dovrà versare loro – entro inizio marzo – la mensilità di giugno 2019, per un totale di circa 20mila euro totali, comprese le spese legali.

In caso contrario l’Avellino rimedierebbe un punto di penalizzazione in classifica per ogni calciatore non pagato, da scontare nel prossimo campionato.

Ultimi Articoli