Scuole, si riparte il 24 novembre. In Irpinia genitori e Sindaci contro la riapertura

Le lezioni per gli alunni delle scuole primarie e le prime classi delle elementari riprenderanno martedì 24 novembre, su tutto il territorio campano.

Intanto, mentre la Regione ha avviato il piano di screening volontario con controlli per insegnanti, alunni e familiari, cresce il fronte dei “No” alla riaperture delle scuole composto dai Sindaci irpini, che vorrebbero lo stop alla didattica in presenza almeno fino al termine delle festività natalizie, e dai genitori dei piccoli alunni, che potrebbero pure decidere di far disertare loro le aule, aspettando tempi più sicuri..

Alcuni Sindaci si sono mossi d’anticipo. A Solofra le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse fino al 3 dicembre (prevista, ovviamente, la didattica online). La stessa decisione potrebbe essere presa a Montoro, uno dei focolai irpini più importanti, così come ad Altavilla Irpina, Chiusano San Domenico e Grottolella.

Molti comuni della Baronia non dovrebbero riaprire le scuole, nel Mandamento, invece, i primi cittadini stanno spingendo le famiglie del posto con bambini a sottoporsi al tampone di controllo.

Ultimi Articoli

Top News

Zingaretti “Non esiste l’ipotesi di un cambio di maggioranza”

20 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il tema è chiaro, non esiste una ipotesi di cambio di maggioranza o di coinvolgimento di Forza Italia, i primi a non volerlo sono loro. Di fronte a quanto sta accadendo dobbiamo limitare lo spazio delle polemiche e trovare almeno sulle scelte fondamentali una unità del Paese, cercando una collaborazione con tutte […]

[…]

Top News

Forza Italia, Tajani “Nessun inciucio, non entreremo nella maggioranza”

20 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Non c’è nessun inciucio o tentativo di rimpasto, noi siamo alternativi alla sinistra. Chi ha sconfitto la sinistra in Italia è stato Silvio Berlusconi e oggi se non ci fosse Forza Italia il centrodestra sarebbe isolato in Europa e non potrebbe andare al governo. In questo momento è più importante la salute […]

[…]