Rissa in carcere tra detenuti stranieri: rumeno rischia di morire

Tragedia sfiorata al carcere di Bellizzi Irpino. Ieri, verso le ore 18, come denunciato da Emilio Fattorello, segretario nazionale SAPPE per la Campania, tre detenuti – un marocchino, un italiano ed un rumeno – sono stati autori di una violenta colluttazione.

Il detenuto marocchino, con un’arma rudimentale da taglio creata con lamette posizionate su uno spazzolino da denti, ha colpito con violenza il detenuto rumeno, che ha riportato varie ferite, di cui una grave al collo, tale da provocare lesioni ai vasi sanguigni causando una forte emorragia.

Solo il provvidenziale e tempestivo intervento dei Poliziotti Penitenziari e del personale sanitario ha evitato il peggio provvedendo al ricovero, a vista, del soggetto, in codice rosso, per essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, esprime solidarietà e vicinanza al personale di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Avellino e denuncia: “Quel che è accaduto, di una violenza inaccettabile, ci ricorda per l’ennesima volta quanto sia pericoloso lavorare in un penitenziario”.

Ultimi Articoli