Coronavirus, altre cinque (o sei) regioni in Zona Bianca da lunedì. E la Campania?

La Campania dovrà attendere ancora qualche giorno per entrare in Zona Bianca.

Non è prevista, infatti, la “promozione” della regione nella fascia di rischio più bassa. A partire da lunedì 14 giugno toccherà a Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna e Provincia di Trento, più la Puglia in bilico, entrare a far parte del gruppo di regioni “in bianco” già occupato da Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo.

Dodici regioni in Zona Bianca, mentre la Campania resterà in giallo almeno per un’altra settimana. Probabilmente il via libera all’ingresso in Zona Bianca scatterà a partire da lunedì 21 giugno, assieme a quasi tutte le regioni rimaste in giallo, ad eccezione della Valle d’Aosta, che potrebbe diventare bianca soltanto dal 28 giugno.

Ultimi Articoli

Top News

Nel primo trimestre -243 mila occupati, disoccupazione al 10,4%

11 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel primo trimestre, secondo i dati Istat, l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra una diminuzione di -0,2% rispetto al trimestre precedente e di -0,1% rispetto al primo trimestre 2020; il Pil è aumentato dello 0,1 in termini congiunturali e diminuito dello 0,8 in termini tendenziali. Dal lato dell’offerta di lavoro, […]

[…]

Top News

Zaia “Da aprile rispettiamo il limite di età per AstraZeneca”

11 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ad aprile abbiamo visto la circolare dell’Aifa che raccomandava di utilizzare i vaccini a vettore virale sopra i 60 anni. Prima erano stati raccomandati sotto i 55, poi sotto i 60 e infine sopra i 60. Si parlava di trombosi profonde soprattutto nelle donne giovani. Quel giorno abbiamo preso una decisione: quel […]

[…]

Top News

Comuni, Anci Sicilia “Sistema continuamente mortificato”

10 Giugno 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – “L’assemblea di oggi nasce dalla volontà di sostenere e ribadire le posizioni degli enti locali, posizioni continuamente mortificate soprattutto dalla madre di tutti i problemi, ovvero la mancata applicazione del federalismo fiscale che ha messo in ginocchio il sistema delle autonomie locali”. Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia, che […]

[…]