Amazon e il robot domestico elusivo

Un articolo di Bloomberg afferma che Amazon ha un progetto per un robot domestico in corso e in una fase ragionevolmente avanzata, una grande scommessa chiamata internamente “Progetto Vesta” che prende il nome della divinità romana della famiglia, in cui ha lavorato per qualche tempo, ma recentemente ha avuto un grande aumento nel reclutamento di profili specifici nel suo Lab126.

La categoria della robotica domestica è, senza dubbio, una delle più elusive che sono state mostrate nel tempo. La sfida di ottenere un qualche tipo di dispositivo elettromeccanico multifunzionale la cui proposta di valore sia ragionevolmente adeguata per considerarla come a casa è estremamente complessa e, per il momento, i più simili sono alcuni usi relativamente limitati dei robot giapponesi per la cura degli anziani, il Kuri nordamericano con un’utilità piuttosto scarsa, o aspiranti più o meno glorificati e che progettano il proprio viaggio come il Roomba e simili, che svolgono il loro lavoro con benefici relativi.

Amazon, in tal senso, entra in una categoria ragionevolmente esplorata, ma che per il momento ha resistito alla scoperta di una vera proposta di valore conclusivo che la fa balzare al mercato di massa. Ma ovviamente, non sarà per mancanza di desiderio: l’idea di un robot che svolge una parte significativa dei soliti compiti domestici è senza dubbio una delle più attraenti e appetitose che molte persone possano immaginare, e ce ne sono molte chi pensa che se qualcuno può trasformarlo in realtà, è Amazon, convertito, secondo un recente sondaggio, nella compagnia che la maggior parte degli americani considera avere l’impatto più positivo sulla società. Tuttavia, le attività domestiche, principalmente la pulizia o quelle che richiedono, in generale, tempo e fatica e diventano la parte più pesante del lavoro necessario per mantenere una casa in condizioni, non sono state ancora automatizzate per un motivo ovvio : la sua natura molto specifica e la sua delicata maneggevolezza ne fanno una compagnia davvero difficile.

Cosa può avere in mente Amazon in questo senso? L’idea di un assistente domestico, in generale, è stata limitata a dispositivi come Echo o Google Home, capaci, in qualche modo, di centralizzare la gestione di altri sistemi di automazione domestica come l’automazione domestica – luci, serrature, tapparelle, riscaldamento, irrigazione, eccetera – mentre svolge altri compiti come mettere musica, leggere le notizie, prevedere il tempo, abilità di ogni genere integrate dagli sviluppatori di applicazioni o persino raccontare uno scherzo. Il concetto di robotica domestica e alcuni dei profili che l’azienda ha recentemente integrato potrebbero suggerire qualcosa di più sofisticato, non tanto un semplice assistente statico, quanto alcuni che possono già essere trovati sul mercato. L’esperienza acquisita con Kiva, acquisita da Amazon nel 2012 per trasformarla in Amazon Robotics e che è stata la chiave nello sviluppo e nella distribuzione delle decine di migliaia di robot che ora popolano i magazzini dell’azienda, potrebbe portarci a pensare all’idea di una sorta di assistente mobile ampiamente sensoriale, ma tutte le possibilità sono, in linea di principio, aperte. Secondo Bloomberg, l’idea sarebbe quella di iniziare ad offrire il robot ai dipendenti dell’azienda entro la fine di quest’anno 2018, e metterlo sul mercato nel 2019.

Ultimi Articoli

Cronaca

Evasione dal carcere di Avellino

11 Gennaio 2022 0

Due detenuti sono evasi nella notte dalla casa circondariale di Bellizzi Irpino. I fuggitivi hanno praticato un foro nel muro delle loro celle e poi hanno scavalcato le mura di cinta calandosi con delle lenzuola. […]

Attualità

Scuola: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

10 Gennaio 2022 0

Il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale la Regione Campania ha disposto la didattica a distanza fino al 29 gennaio in tutte le scuole dell’infanzia, elementari e medie del territorio per criticità legate alla […]