Test rapidi: “Asl di Avellino deve fare chiarezza su disponibilità e procedure”

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, chiede al direttore generale dell’Asl di Avellino di fare chiarezza sull’uso e la somministrazione dei test rapidi.

«L’Asl – dice Fiordellisi – deve dirci quanti test ha a disposizione e come si sta muovendo per la somministrazione in tutto il comparto sanitario e anche nelle Rsa».

«Abbiamo necessità di sapere come affronteremo la fase 2, nella quale i test saranno una componente fondamentale, come Dpi, anche nelle imprese. Ma prima di tutto dobbiamo potenziare il servizio di Medicina del lavoro e prevenzione che è stato quasi del tutto azzerata: c’è un solo medico per tutta la provincia di Avellino».

«Quindi si deve rivedere immediatamente il Piano sanitario dell’Asl, per tutelare sia i medici del lavoro sia quelli di base. Infatti, conoscere la condizioni di questi medici, la loro reattività e messa in sicurezza, è fondamentale. Il loro ruolo, infatti, sarà centrale nella seconda fase dell’emergenza da Covid19, per il ruolo in tutti i luoghi di lavoro».

«Fino a questo momento la manager dell’Asl non s’è mostrata sensibile alle nostre richieste che poi sono le richieste dei cittadini. Inoltre, andrebbe potenziato pure il servizio del 118 che a livello territoriale che, ripeto, insieme a i medici di base e a quelli del lavoro dovranno gestire la fase 2. In questo particolare momento, alle Aree interne potrebbe essere assestato un colpo fatale creando una frattura che potrebbe risultare incolmabile».

«Sul punto chiediamo un confronto serrato e trasparente con il direttore generale dell’Asl, Maria Morgante, in mancanza del quale saremo costretti, ancora una volta, a rivolgerci al Prefetto di Avellino, Paola Spena, e a chiedere un intervento della Regione Campania che nella sanità deve dare tanto».

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Speranza “Per alcuni mesi sarà ancora dura”

9 Gennaio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “I vaccini sono la luce, la svolta che apre un’altra fase, ma la verità è semplice. Per avere un impatto il vaccino ha bisogno di mesi e dobbiamo resistere, la battaglia è ancora dura. Dopo sei settimane l’indice rt è scattato sopra 1….La seconda ondata non è mai finita davvero. Adesso c’è […]

[…]

Top News

Vaccino, in Italia oltre 413 mila somministrazioni

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Tocca quota 413.121 il numero delle vaccinazioni somministrate a oggi, secondo i dati sulla piattaforma dedicata e fermi alle 10 di questa mattina. Vaccino inoculato a 259.913 donne e 159.208 uomini. Come sempre il maggiore numero dei destinatari è rappresentato da operatori sanitari (346.092), personale non sanitario (42.691) e ospiti delle strutture […]

[…]

Top News

Altro caso di coronavirus alla Juve, positivo De Ligt

8 Gennaio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Ancora un caso di coronavirus alla Juventus. Dopo Alex Sandro e Cuadrado, è la volta di Matthijs De Ligt, che salterà dunque la gara di domenica contro il Sassuolo. “Juventus Football Club comunica che, nel corso dei controlli previsti dal protocollo in vigore, è emersa la positività al Covid 19 del giocatore […]

[…]

Top News

Coronavirus, 17.533 nuovi casi e 620 decessi in 24 ore

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in leggero calo i contagi da coronavirus in Italia. I nuovi casi, riportati dal bollettino del Ministero della Salute sono 17.533 (ieri erano stati 18.020) a fronte di un numero maggiore di tamponi eseguiti: 140.267 (121.275 quelli effettuati ieri). Il rapporto tamponi/positivi cala quindi al 12,4%. Tornano però a crescere i […]

[…]