Strage bus sulla A16: tre perizie non convincono i giudici, occorre una superperizia

Occorre una super perizia per fare luce sulla tragedia avvenuta cinque anni fa lungo l’autostrada A16 Napoli-Bari, quando un autobus precitipò dal viadotto che insiste nel territorio di Monteforte Irpino. Fu una vera e propria strage, con  40 persone morti. Le famiglie delle vittime attendono giustizia da anni ma non è stato ancora possibile accertare le reali responsabilità che provocarono quell’incidente.

Tre perizie redatte dai consulenti di parte della Procura della repubblica, della società Autostrade per l’Italia e delle parti cicili, non sono bastate per fugare ogni dubbio ai giudici.

Per questo motivo sarà richiesta una ulteriore perizia con l’incarico che sarà affidato al consulente tecnico nell’udienza del prossimo 16 maggio. Occorreranno tre mesi per ottenere le risposte, con l’allungamento dei tempi per la sentenza che le famiglie ormai attendono da troppo tempo.

 

Ultimi Articoli

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]

Attualità

Covid in Irpinia: 151 positivi

7 Gennaio 2022 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 961 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 151 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 1, residente nel comune di Aquilonia; – 2, residenti nel comune […]

Cronaca

Trovato morto noto ristoratore di Monteforte Irpino

7 Gennaio 2022 0

Dramma a Monteforte Irpino dove il proprietario di un noto ristorante è stato trovato morto nella cucina dell’attività di famiglia. Sono stati i dipendenti a scoprire il corpo senza vita dell’uomo di 53 anni. A […]

Attualità

Pratola Serra, il Tar conferma lo scioglimento del comune

5 Gennaio 2022 0

Il provvedimento di scioglimento per forme d’ingerenza della criminalità organizzata del Comune di Pratola Serra, centro di meno di 4 mila abitanti alle porte di Avellino indicato come la città dei motori, “deve ritenersi pienamente […]