Parcheggi ad Avellino: il Comune non rispetta le regole, multe illegittime

parcheggio sedia

Sono settimane che l’amministrazione comunale, attraverso la ACS, ha deciso di inasprire i controlli nei confronti degli utenti delle strisce blu.

Sarà un caso, ma questo è avvenuto da quando i “vigilini” sono stati trasferiti presso il comando dei vigili urbani in Via Francesco Tedesco e non sono più coordinati dall’amministratore della ACS, Giovanni Greco.

E allora eccoli in strada, questi “piccoli sceriffi crescono” a comminare sanzioni amministrative nei confronti degli automobilisti non in regola con la ricevuta oraria di pagamento.

Sul problema “parcheggi” e strisce blu interviene Massimo Passaro, presidente di “Cittadini in Movimento” che enuncia una lunga serie di punti interessanti, qui di seguito riportati.

Tale atteggiamento della Pubblica amministrazione sarebbe corretto se la stessa rispettasse le regole della equa esistenza sulle arterie cittadine, escluso quanto annunciato dalla norma, di parcheggi a pagamento e parcheggi liberi così come previsto dal Codice della Strada,
dal Ministero e da innumerevoli sentenze della Cassazione.

1. L’art. 7 punto 8 del Cds sancisce quanto segue: “8. Qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f), su parte della
stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta. Tale obbligo non sussiste per le zone definite a norma dell’art. 3 “area
pedonale” e “zona a traffico limitato”, nonché per quelle definite “A” dall’art. 2 del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 16 aprile 1968, e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente
individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico”;

2. la circolare, prot. N° 1712 del 30.03.2012, del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ribadisce la necessità della presenza di parcheggi liberi in prossimità delle strisce blu e chiarisce il concetto di “Immediate vicinanze”.

3. La Cassazione sancisce l’illegittimità delle multe sulle strisce blu quando il Comune non abbia predisposto, in aree adiacenti, spazi adibiti alla sosta libera. Insomma, strisce blu e strisce bianche devono alternarsi, affinché l’utilizzo dei parcheggi a pagamento non diventi
un business per Comune. (Cassazione n. 18575/2014), ( ex multis, Trib. Roma n. 16885/2012), (Sezioni Unite della Corte di Cassazione, n. 116/2007),(cfr. Cass. n. 16237/2006).

B. Allo stesso modo negli ultimi anni il Comune di Avellino non si è, negli anni, mai dotato di strumenti di pagamento (Parchimetri) adeguati alle esigenze del cittadino:

– i parchimetri non sarebbero regolari in quanto prevederebbero il pagamento della sosta esclusivamente con le monete e non con le banconote. Insomma non danno il resto. Con il risultato che tutti quelli che non hanno in tasca le monete non possono utilizzare il parchimetro e quindi parcheggiare la propria auto senza incorrere in multe per il mancato pagamento della sosta.

– La Legge di Stabilità 2016 che ha esteso anche al parchimetro la necessità di accettare pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito, salvo “oggettiva impossibilità tecnica”. Nel caso specifico il Comune di Avellino non ha ad oggi mai adeguato i parchimetri.
Gli automobilisti che non siano in grado di acquistare il ticket per mancanza del pos, potrebbero quindi sentirsi legittimati a non pagare.
C. Altresì andrebbe adeguata la segnaletica stradale ai sensi dell’art. 157 lett.f Cds. “vieta all’automobilista di parcheggiare entro i 5 metri da un incrocio e/o in prossimità di un cartello segnaletico”. Tale articolo per analogia è estendibile anche alla corretta realizzazione
della segnaletica orizzontale.

D. Ai sensi dell’art. 7, comma 6 del Codice della Strada (CdS) recita che: “Le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico” e tenuto conto che la carreggiata è, secondo l’art. 3, n. 7 del CdS: “parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli; essa è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine”, ne discende che i parcheggi a pagamento posti per strada lungo i marciapiedi e delimitati dalle sole strisce blu – o di altro colore, ma comunque senza che la sede stradale di scorrimento del traffico sia specificamente delimitata in altro modo – si troverebbero dentro la carreggiata e sarebbero, dunque, illegittimi, con ogni conseguenza in
tema di impugnabilità delle relative contravvenzioni. Negli anni passati, poi, si sono viste alcune pronunce dei vari Giudici di Pace del territorio italiano, competenti per questa materia, che sposavano tale tesi. A fugare i dubbi, nei limiti del possibile, è stata di recente la Corte di Cassazione con la sentenza n. 9676/2007.

Insomma, le multe sono illegittime ma “CITTADINI IN MOVIMENTO” non vuole contribuire, ulteriormente, al dissesto delle finanze del Comune Capoluogo ma, diversamente, è quello di proporre soluzioni per entrambe le parti.

Chi vuole fare ricorso, può proporre quanto sopra decsritto, quali valide argomentazioni.

Il Gruppo de “I CITTADINI IN MOVIMENTO” offre le seguenti proposte:

1. istituire nelle aree di parcheggio a pagamento la possibilità della sosta gratuita per i primi 15 minuti;

2. previsione di abbonamenti mensili, trimestrali ed annuali per i liberi professionisti e commercianti;

3. sosta gratuita nelle giornate di Sabato e Domenica così da incentivare il commercio

4. autobus navette gratuite, con partenza ogni 15 minuti, in caso di acquisto in attività commerciali o pagamento di più di tre ore di parcheggio, nei pressi di Piazza Santa Rita e Piazza antistante Stadio Partenio e Pala del Mauro. Tale soluzione servirebbe anche a
decongestionare il centro dallo smog delle autovetture. L’autobus navetta dovrebbe fare due soste una presso la Città Ospedaliera (causa parcheggio inadeguato all’autenza) e la seconda in Piazza Kennedy.

Come andrà a finire?

Resterà tutto come prima.

E allora avanti con i ricorsi, in caso di multe.

Ultimi Articoli

Cronaca in Irpinia

Atti sessuali con un minorenne: arrestato sacerdote

26 Ottobre 2021 0

Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino, su richiesta […]

TG News

Tg News – 26/10/2021

26 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Eitan torna in Italia: lo ha deciso il Tribunale della famiglia di Tel Aviv – Consumi in fase di assestamento: +1% su settembre 2020 – Onu: preoccupa l’aumento del tasso di […]

Top News

Vaccino, Sileri “Verosimile la terza dose per tutti”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Per chi ha fatto Johnson&Johnson servirà un richiamo in tempi molto brevi: a sei mesi dalla vaccinazione si inizierà a procedere, tenendo in considerazione l’età, ma verosimilmente una terza dose sarà necessaria per tutti”. Così il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite a The Breakfast Club su Radio Capital. “Entro l’anno si […]

[…]

Top News

Mattarella “Determinazione per la ripartenza, no a teorie antiscientifiche”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La ripartenza è una strada nuova. Dobbiamo percorrerla con determinazione e con speranza. Come è accaduto in altri momenti della nostra storia, quando nel dopoguerra la ricostruzione è cominciata dalle macerie, quando un nuovo modello sociale, più capace di benessere, di opportunità e diritti, è scaturito dal concorso di forze e di […]

[…]

Top News

Ictus, il fattore tempo decisivo per salvare vite

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti nè stare in equilibrio: questi […]

[…]