Wolff resterà team principal della Mercedes fino al 2023

ROMA (ITALPRESS) – Squadra che vince non si cambia, o quasi. Dopo mesi di speculazioni sul futuro suo e di Lewis Hamilton, figlie di un contratto in scadenza a fine 2020, Toto Wolff scioglie ogni dubbio e la Mercedes si tiene stretta per altri tre tre anni uno dei principali artefici del suo dominio in Formula Uno. La firma è arrivata ma in realtà non si tratta di un semplice rinnovo, quanto di un accordo che si inserisce in un’operazione più ampia: la Ineos, già sponsor, rileverà infatti un terzo delle azioni della scuderia, con la Daimler che ridurrà il suo 60% di partecipazione mentre al contempo Wolff incrementerà il suo 30% per uno scenario che vedrà così tre soci alla pari. In pista cambierà poco, nel senso che la casa anglo-tedesca continuerà a correre come Mercedes-Benz con telaio e motori forniti sempre dalla stessa Mercedes. E il 48enne manager austriaco continuerà nel suo ruolo di team principal e Ceo per altri tre anni, proseguendo nel percorso avviato nel 2013 e che ha visto la scuderia con sede a Brackley vincere Mondiale Costruttori e Piloti nelle ultime sette stagioni. A questo punto il prossimo passo atteso è l’ufficialità del rinnovo di Lewis Hamilton, che come Wolff è in scadenza a fine anno. Già ieri un post sull’account Twitter della Mercedes, in cui venivano riportare le parole del pilota (“Voglio essere qui anche l’anno prossimo, penso che come team abbiamo ancora tanto da fare insieme”) sembrava preludere all’annuncio. Lo stesso sette volte campione del mondo, dopo l’ultimo Gp ad Abu Dhabi, si era sbilanciato sul fatto che la trattativa per il rinnovo si sarebbe potuta concludere prima di Natale.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Correa decisivo, l’Inter batte 3-1 il Verona

27 Agosto 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Joaquin Correa ci mette un quarto d’ora per segnare la sua prima doppietta in nerazzurro e regalare i tre punti all’Inter di Simone Inzaghi. Esordio da sogno dell’ex Lazio che permette ai nerazzurri di battere 3-1 un Verona tignoso e mai domo. Un errore di Handanovic mette in salita la gara degli […]

[…]

Top News

L’Udinese cala il tris alla “Dacia Arena”, Venezia ko

27 Agosto 2021 0
UDINE (ITALPRESS) – La seconda giornata di Serie A si apre col successo dell’Udinese alla Dacia Arena per 3-0 contro il Venezia. I friulani, dopo l’ottimo pareggio all’esordio contro la Juventus, questa volta ottengono il bottino pieno – grazie ad una rete di Pussetto e ai sigilli di Deulofeu e Molina – portandosi così a […]

[…]

Top News

Ultimo volo dall’Afghanistan, Guerini “Evacuati 4.890 cittadini”

27 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Evacuate 5.011 persone di cui 4.890 cittadini afghani grazie ad Aquila Omnia, tra di loro 1.301 donne e 1.453 bambini. Le Forze Armate italiane, con questa operazione molto delicata e complessa sin dalle fasi iniziali, hanno svolto un eccezionale lavoro garantendo il ponte aereo che, dopo l’aggravarsi della crisi politico e sociale […]

[…]

Top News

Mancini convoca 34 giocatori per le qualificazioni mondiali

27 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – A un mese e mezzo di distanza dal trionfo nell’Europeo, la Nazionale torna in campo per riprendere il cammino nelle qualificazioni ai Mondiali. Grazie ai successi nei primi tre match disputati a marzo, gli Azzurri sono in testa alla classifica del Gruppo C con tre lunghezze di vantaggio sulla Svizzera, seconda ma […]

[…]

Top News

Addio Juve, Ronaldo torna al Manchester United

27 Agosto 2021 0
MANCHESTER (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – A distanza di 12 anni, Cristiano Ronaldo torna a vestire la maglia del Manchester United. Dopo le parole sibilline in conferenza stampa del tecnico Solskjaer, ecco l’ufficialità dell’accordo con la Juventus per l’ingaggio del 36enne attaccante portoghese. Ronaldo, cinque volte Pallone d’Oro, porta con sè in dote oltre trenta titoli – […]

[…]

Top News

Covid, Draghi “Ampliate le disparità globali”

27 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “In molte economie avanzate la pandemia è sempre più sotto controllo, ma purtroppo non è così nei paesi più poveri del mondo. Ci sono state delle enormi disuguaglianze in termini di accesso ai vaccini. Nei paesi ad alto reddito quasi il 60% della popolazione ha ricevuto almeno una dose, mentre in quelli […]

[…]