Vertice al Viminale, rafforzata la sicurezza per il Piano Vaccini

ROMA (ITALPRESS) – Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha presieduto al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato per un esame dell’attuazione del piano distributivo dei vaccini anti SARS-CoV-2/COVID-19, attraverso uno scambio di informazioni e un punto sui trasferimenti già effettuati e su quelli in programmazione, presso i siti individuati a livello territoriale. Al Comitato hanno partecipato il viceministro all’Interno, Matteo Mauri, il capo di Stato maggiore della Difesa, i vertici delle Forze di polizia e degli organismi di informazione di sicurezza, il capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e il Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.
Il “Piano strategico” sulle vaccinazioni COVID ha delineato precise linee guida riferite alle diverse tipologie di vaccini da distribuire sul territorio nazionale, “in modo da coinvolgere il comparto sicurezza e difesa, per garantire il regolare svolgimento dei trasferimenti delle fiale, sin dall’ingresso nel territorio nazionale e fino alla destinazione finale – spiega il Viminale in una nota -. In relazione al complesso piano di distribuzione dei vaccini, sono state diramate alle Autorità provinciali di pubblica sicurezza specifiche direttive riguardanti l’organizzazione operativa della consegna sulla base del Piano di distribuzione definito dal Commissario straordinario Domenico Arcuri. Nello specifico, è stata data indicazione ai prefetti di definire, in sede di riunioni del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica allargato alla partecipazione delle competenti autorità sanitarie, le misure ritenute maggiormente idonee a garantire, innanzi tutto, la sicurezza del trasporto presso i siti indicati dalle Regioni”.
“A tal fine, i servizi a tutela dei convogli destinati ai punti di stoccaggio/somministrazione sono stati ripartiti a livello locale tra le Forze di polizia – in base a un coordinamento interprovinciale, potendo fare ricorso anche all’impiego di personale della Polizia Stradale, in considerazione degli itinerari da percorrere – conclude il ministero dell’Interno -. Analogamente, sono state pianificate apposite misure di sicurezza presso gli stessi siti di stoccaggio e somministrazione dei vaccini, anche attraverso l’eventuale ricorso alla partnership pubblico-privata nonchè ai sistemi di sicurezza passiva, a supporto del dispositivo di vigilanza”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Vaccino, in Italia oltre 413 mila somministrazioni

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Tocca quota 413.121 il numero delle vaccinazioni somministrate a oggi, secondo i dati sulla piattaforma dedicata e fermi alle 10 di questa mattina. Vaccino inoculato a 259.913 donne e 159.208 uomini. Come sempre il maggiore numero dei destinatari è rappresentato da operatori sanitari (346.092), personale non sanitario (42.691) e ospiti delle strutture […]

[…]

Top News

Altro caso di coronavirus alla Juve, positivo De Ligt

8 Gennaio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Ancora un caso di coronavirus alla Juventus. Dopo Alex Sandro e Cuadrado, è la volta di Matthijs De Ligt, che salterà dunque la gara di domenica contro il Sassuolo. “Juventus Football Club comunica che, nel corso dei controlli previsti dal protocollo in vigore, è emersa la positività al Covid 19 del giocatore […]

[…]

Top News

Coronavirus, 17.533 nuovi casi e 620 decessi in 24 ore

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in leggero calo i contagi da coronavirus in Italia. I nuovi casi, riportati dal bollettino del Ministero della Salute sono 17.533 (ieri erano stati 18.020) a fronte di un numero maggiore di tamponi eseguiti: 140.267 (121.275 quelli effettuati ieri). Il rapporto tamponi/positivi cala quindi al 12,4%. Tornano però a crescere i […]

[…]

Top News

Coronavirus, il tampone di D’Incà era un falso positivo

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Dopo la notizia del tampone positivo, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà si è sottoposto a un nuovo tampone, che ha dato esito negativo.Quindi l’esame effettuato in precedenza rappresentava un falso positivo.“Per il numero delle persone coinvolte e per la delicatezza della questione – fa sapere il suo […]

[…]