Vaccini anti-Covid, reazioni avverse in linea con le previsioni

ROMA (ITALPRESS) – Un “buon profilo di sicurezza”. E’ quanto emerso dal primo Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini COVID-19. La pubblicazione avrà cadenza mensile. I dati raccolti e analizzati riguardano le segnalazioni di sospetta reazione avversa registrate nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza tra il 27 dicembre 2020 e il 26 gennaio 2021 per i vaccini in uso nella campagna vaccinale in corso: Comirnaty di Pfizer/BioNTech (autorizzato dal 22/12/2020 e utilizzato dal 27/12/2020) e COVID-19 Vaccino Moderna (autorizzato dal 07/01/2021 e utilizzato dal 14/01/2021).
Le segnalazioni riguardano soprattutto la prima dose del vaccino Comirnaty (99%), che è stato il più utilizzato e solo in minor misura il vaccino Moderna (1%).
Nel periodo considerato sono pervenute 7.337 segnalazioni su un totale di 1.564.090 dosi somministrate (tasso di segnalazione di 469 ogni 100.000 dosi), di cui il 92,4% sono riferite a eventi non gravi, come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari. Con Comirnaty sono state osservate anche cefalea, parestesie, vertigini, sonnolenza e disturbi del gusto mentre con il vaccino Moderna, nausea e dolori addominali.
Meno frequenti sono le altre reazioni locali e i dolori articolari diffusi. Come atteso, la febbre è stata segnalata con maggior frequenza dopo la seconda dose rispetto alla prima.
Gli eventi segnalati insorgono prevalentemente lo stesso giorno della vaccinazione o il giorno successivo (85% dei casi).
Del 7,6% di segnalazioni classificate come “gravi”, per le quali è in corso la valutazione del nesso causale con i vaccini, tre su quattro non hanno richiesto intervento specifico in ambito ospedaliero.
Nel periodo sono stati segnalati anche 13 decessi avvenuti nelle ore successive alla vaccinazione che, nelle segnalazioni più dettagliate e complete di dati, non sono risultati correlati alla vaccinazione e sono in larga parte attribuibili alle condizioni di base della persona vaccinata.
Le analisi condotte sui dati fin qui acquisiti “confermano quindi un buon profilo di sicurezza di questi due vaccini a mRNA – spiega l’Aifa -. L’ampio numero di segnalazioni non implica che siano emerse criticità inattese, ma è indice dell’elevata capacità del sistema di farmacovigilanza nel monitorare la sicurezza”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Cartabia “Urgente accelerare con le vaccinazioni in carcere”

2 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – «Oggi è urgente che la somministrazione delle vaccinazioni, iniziata in alcune realtà carcerarie già da alcune settimane, prosegua velocemente». Nella sua visita alla sede del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, assicura che il «Ministero segue con attenzione l’andamento delle vaccinazioni» e annuncia che «metterà le informazioni e i […]

[…]

Top News

Covid, Draghi firma il suo primo Dpcm, scuole chiuse nelle zone rosse

2 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il presidente del Consiglio Mario Draghiha firmato pochi minuti fa il Dpcm che sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. E’ frutto di un confronto importante prima di tutto con il Parlamento, con le Regioni e con il Cts”. Lo ha annunciato il ministro della Salute Roberto Speranza, nel corso […]

[…]

Top News

Covid, in Italia il 54% delle infezioni dovute alla variante inglese

2 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – In Italia al 18 febbraio scorso la prevalenza della cosiddetta “variante inglese” del virus Sars-CoV-2 era del 54%, con valori oscillanti tra le singole regioni tra lo 0% e il 93,3%, mentre per quella “brasiliana” era del 4,3% (0%-36,2%) e per la “sudafricana” dello 0,4% (0%-2,9%). La stima viene dalla nuova “flash […]

[…]

Top News

Coronavirus, 17.083 nuovi casi e 343 decessi in 24 ore

2 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Balzo dei nuovi casi di Coronavirus in Italia. I positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati contenuti nel consueto bollettino del Ministero della Salute, sono 17.083 (in crescita rispetto ai 13.114 di ieri a fronte di 335.983 tamponi e che determina un indice di positività che cala oggi al 5%. Forte […]

[…]