Tabacco e differenze fiscali, a rimetterci è lo Stato

ROMA (ITALPRESS) – Dal 2008 ad oggi il mercato del tabacco ha visto una progressiva diminuzione delle vendite delle sigarette tradizionali con una migrazione dei consumatori verso il trinciato e le HTP, ossia tutti quei nuovi prodotti a base di tabacco riscaldato. Un passaggio che ha visto calare gli introiti per le casse dello Stato. Questo è stato il tema al centro del webinar organizzato dal Casmef – Luiss dal titolo “La fiscalità del tabacco tra sostenibilità del debito e cambiamento strutturale della domanda”. “L’andamento del prezzo delle sigarette vede una crescita dal 2008 ma mentre il prezzo del produttore è rimasto sempre costante, viceversa sono cresciute le accise e l’IVA. Questo ha fatto sì che ci sia stata una crescita in valore assoluto dell’imposta totale, fattore che ha fatto aumentare i prezzi delle sigarette” ha spiegato Marco Vulpiani, della Deloitte Italia, che ha presentato il suo studio “Il mercato dei prodotti del tabacco in Italia: scenari evolutivi e politiche fiscali”. Cresce il prezzo del pacchetto ma calano le entrate per l’erario. A incidere sulle minori entrate fiscali è anche la migrazione dei fumatori dal prodotto sigaretta al trinciato o al tabacco riscaldato, come spiega lo stesso Vulpiani: “A livello di fiscalità si può vedere che a fronte di 3,1 euro a pacchetto di sigarette le accise pesano 0,7 euro per le Htp ed è di 2,1 euro nel trinciato. Per ogni consumatore che passa alle Htp c’è una entrata di gettito fiscale inferiore, quindi, quel consumatore versa meno accise. Anche questo switch dalle sigarette al trinciato e al tabacco riscaldato determina una diminuzione di entrate fiscali”. Questo perchè le accise sul tabacco riscaldato sono il 25% contro il 50% sulle sigarette classiche. Una differenza che all’inizio era giustificata da una ipotetica minor incidenza sulla salute dei consumatori, poi però smentita da uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità e che secondo i relatori del convegno non avrebbe più senso. “L’idea che il tabacco riscaldato sia meno dannoso del tabacco combusto è stato smentito dall’evidenza scientifica – ha detto Marco Spallone, coordinatore del Casmef -. Quindi ci troviamo di fronte all’interrogativo circa l’attualità e la convenienza di agevolare un settore che dal punto di vista della salute dei consumatori non dà garanzie superiori”. Anche Spallone, come rappresentante del Casmef, ha presentato uno studio sulle implicazioni di una tassazione differenziata: “La comparsa dei mercati innovativi ha dato speranza a tutti di un passaggio a un prodotto meno impattante sulla salute ma il presupposto non è più quello perchè l’Istituto Superiore di Sanità ha confermato che non si può affermare che il tabacco riscaldato possa essere meno impattante. Andando a fare i calcoli sulla base della accise in vigore adesso abbiamo concluso che per ogni punto percentuale di incremento di vendita di tabacco riscaldato c’è una riduzione delle accise pari a 44 milioni di euro”. “Se siamo d’accordo sul fatto che non ci sia un minor danno per il consumatore – ha concluso Spallone – l’agevolazione fiscale concessa appare sproporzionata quindi sarebbe il caso di ridurre in modo drastico questo gap tra i due prodotti”. Per il numero uno della Dogane, Marcello Minenna, prima di parlare di un problema di differenziazione di tassazione dei prodotti, bisognerebbe portare avanti una riforma del settore tabacco: “ho ipotizzato una proposta di riforma del sistema tabacchi perchè ho rilevato che, prescindendo dal sistema fiscale, c’è un problema di tracciamento di molti prodotti derivati del tabacco. La mia proposta normativa dice innanzitutto di mettere sullo stesso piano i prodotti. Facciamo in modo che rientrino in una filiera controllata e verificata e in questa maniera tutto diventa più oggettivo”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Attualità in Irpinia

Covid, 14 positivi in Irpinia: 3 a Solofra

28 Ottobre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 505 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 14 persone: 1, residente nel comune di Avellino;2, residenti nel comune di Baiano;1, residente nel comune di Bisaccia;1, residente nel comune di […]

Top News

Covid, 4.844 nuovi casi e 50 decessi in 24 ore

28 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in crescita i casi Covid in Italia. Dalla lettura del consueto bollettino del ministero della Salute si registrano 4.844 nuovi positivi, in aumento rispetto ai 4.598 delle 24 ore precedenti con 570.335 tamponi processati determinando un tasso di positività pari allo 0,84%. Stabili i decessi a 50.I guariti sono 3.400, gli […]

[…]

Top News

Laura Pausini, intero catalogo in audio spaziale

28 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Per la prima volta la riscoperta della discografia dell’artista simbolo dell’Italia nel mondo passa attraverso il suono di nuovissima generazione: Warner Music annuncia entro il 2021 la pubblicazione dell’intero catalogo di Laura Pausini rimasterizzato in Audio Spaziale con Dolby Atmos e disponibile solo su Apple Music.Un monumentale viaggio in più tappe che […]

[…]

Top News

Fieracavalli 2021, a Verona doppio weekend di passione equestre

28 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Fieracavalli al galoppo verso la 123^ edizione. Il più importante salone internazionale dedicato al mondo equestre torna in presenza a Veronafiere, con un nuovo format su due fine settimana consecutivi di novembre: da giovedì 4 a domenica 7 e da venerdì 12 a domenica 14.In fiera saranno presenti 3.000 cavalli di 60 […]

[…]

Top News

Ddl Zan, Renzi “Disastro politico per totale incapacità del Pd”

28 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul DDL Zan si è consumato un disastro politico, gestito con totale incapacità dal PD di Enrico Letta, che prima ha fatto un’apertura in TV e poi ha deciso di andare al muro contro muro, giocando una partita ideologica sulla pelle delle persone. E naturalmente perdendola, come era chiaro per tutti quelli […]

[…]

Top News

Ddl Zan, Letta “Rottura a tutto campo con Italia Viva e Forza Italia”

28 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ieri si è sancita una rottura, anche di fiducia, a tutto campo, con Italia Viva. Ma il ragionamento riguarda anche la parte che ha votato contro” il ddl Zan. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, ai microfoni di Radio Immagina.“Forza Italia è nel Partito Popolare Europeo o sta con […]

[…]