Senato approva decreto Pa, Brunetta “Pronto portale reclutamento”

ROMA (ITALPRESS) – “Con l’approvazione al Senato del decreto legge sul reclutamento nella Pa aggiungiamo un altro pilastro alla costruzione della nuova Italia. Ringrazio il Parlamento per il prezioso apporto e per la condivisione delle finalità di questo provvedimento: potenziare e valorizzare il capitale umano pubblico, architrave del cambiamento del Paese”. Così Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione, commenta il disco verde di Palazzo Madama al Dl 80/2021 in materia di rafforzamento della capacità amministrativa funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il provvedimento passa ora alla Camera dei Deputati per l’approvazione definitiva. “Al centro del decreto ci sono merito, trasparenza, valutazione e monitoraggio. Non slogan, ma opportunità concrete sia per chi già lavora nella Pa, sia per i talenti e le nuove professionalità che abbiamo il dovere di attrarre per tornare a crescere”, spiega il ministro.
“Alle amministrazioni, centrali e locali – continua Brunetta – garantiamo un ampio ventaglio di procedure per assumere rapidamente i profili necessari a realizzare i progetti del Pnrr: contratti di apprendistato per i più giovani; concorsi rapidi e digitali per i contratti a tempo determinato; procedure trasparenti e rigorose per gli incarichi ai professionisti; corsie dedicate alle figure ad alta specializzazione, ossia chi possiede un dottorato, un master o un’esperienza almeno triennale in organismi italiani, internazionali e dell’Unione europea. Al tempo stesso, aggrediamo le rigidità regolamentari che impediscono percorsi di carriera dinamici. Da qui le misure per la mobilità e la formazione e i numerosi interventi delegati alla contrattazione collettiva, come la possibilità di istituire una quarta area per i funzionari con qualifiche elevate e il superamento dei tetti al salario accessorio per favorire la componente più a sostegno della produttività”. “Per attuare questa radicale trasformazione è già pronto uno strumento all’avanguardia – spiega il ministro Brunetta – il Portale del reclutamento, che sarà operativo per l’inserimento dei curricula dopo la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Afghanistan, decine di morti a Kabul in attentati dell’Isis

26 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – L’orrore tra i disperati di Kabul. La morte che divora e inghiotte la vita di afghani che speravano di imbarcarsi su un aereo sognando la libertà. Due esplosioni quasi contemporanee, la prima a ridosso dell’aeroporto, la seconda nei pressi di un hotel in cui da qualche giorno si raggruppano i cittadini che […]

[…]

Top News

Durigon si dimette, “Mai fascista, commesso errori e mi scuso”

26 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Un processo di comunicazione si valuta non in base alle intenzioni di chi comunica, ma al risultato ottenuto su chi riceve il messaggio: è chiaro che, nella mia proposta toponomastica sul parco comunale di Latina, pur in assoluta buona fede, ho commesso degli errori. Di questo mi dispiaccio e, pronto a pagarne […]

[…]

Top News

Tpl, Regioni rivedranno piani gestione e servizi entro 2 settembre

26 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Per definire i diversi aspetti necessari per organizzare al meglio il servizio di trasporto pubblico locale in vista della riapertura delle scuole e della ripresa delle attività, i ministri Mariastella Gelmini (Affari Regionali) ed Enrico Giovannini (Infrastrutture e Mobilità Sostenibili) hanno incontrato i presidenti delle Regioni e delle Province autonome. Nell’incontro sono […]

[…]

Top News

Incendi, da Consiglio dei ministri ok a stato emergenza per 4 regioni

26 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza per Sicilia, Sardegna, Calabria e Molise regioni maggiormente colpite dagli incendi. Lo ha annunciato, su Facebook, il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini. “L’estate ha visto molti territori colpiti da incendi, prevalentemente dolosi. E allora il primo provvedimento […]

[…]