Scuola, Speranza “In corso valutazione obbligo vaccino”

ROMA (ITALPRESS) – “Sono valutazioni che stiamo facendo in quese ore perchè la riapertura della scuola in presenza e in sicurezza, senza Dad, è un obiettivo prioritario del Governo. In ogni caso l’85% del personale scolastico ha già avuto una dose di vaccino e per evitare la dad questa percentuale deve crescere”. Così Roberto Speranza, Ministro della Salute, intervistato a Controcorrente su Rete4, rispondendo a una domanda sull’obbligo del vaccino per il personale scolastico. “Dobbiamo tutelare il più possibile la scuola, per quanto mi riguarda nessuna ipotesi è esclusa”, ha aggiunto.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

A Roma le riprese di “Vicini di casa” con Bisio e Puccini

30 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono in corso a Roma le riprese di “Vicini di casa”, il nuovo film di Paolo Costella che ne firma la sceneggiatura insieme a Giacomo Ciarrapico e che vede protagonisti gli interpreti Claudio Bisio, Vittoria Puccini, Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni.Giulio e Federica (Claudio Bisio e Vittoria Puccini) stanno insieme da molti […]

[…]

TG News

Tg News – 30/8/2021

30 Agosto 2021 0

In questa edizione del telegiornale troverete: Estate 2021, vacanze finite per 20,8 milioni di italiani Covid, Sicilia torna in zona gialla Incendio a Milano: il grattacielo è ancora in fumo Afghanistan, esercito usa intercetta 5 […]

Top News

Lavoro, Prudenzano (Confintesa) “Equiparare quarantena Covid a malattia”

30 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Siamo arrivati al punto che prima lo Stato ti obbliga a rimanere a casa in quarantena in caso di accertato contatto con un malato di covid, poi non ti remunera le giornate perchè l’Inps non ha più i fondi per pagare i lavoratori. Come vogliamo chiamare questa ennesima situazione? Paradossale?”. Lo dichiara […]

[…]

Top News

Messa “Impegno delle Università per studenti bloccati in Afghanistan”

30 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “C’è la volontà sia delle università che dei conservatori e le accademie” a impegnarsi per accogliere gli studenti afghani iscritti in Italia e bloccati nel loro Paese. “Non solo abbiamo quel centinaio di ragazze e ragazzi che aspettano di arrivare, ma anche gli artisti. Tutto il mondo accademico si è attivato per […]

[…]