Rete unica, Genna “Governo chiarisca la relazione con il mercato”

MILANO (ITALPRESS) – “Il governo dovrebbe intervenire subito, in modo perentorio, chiarendo il modello di relazione con il mercato della società che gestirà la rete unica italiana, per fare in modo che la firma dell’accordo tra Tim e Cdp sia compatibile con le autorizzazioni dell’antitrust europeo”. E’ questo il pensiero di Innocenzo Genna, giurista specializzato in politiche e regolamentazioni europee per il digitale, la concorrenza e le liberalizzazioni, che in un’intervista all’Italpress esprime i suoi dubbi circa l’attuale politica del governo, ancora indeciso se lasciare il controllo della Rete Unica a Tim, oppure se propendere per un controllo statale. Da una parte, il ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri – e con lui il Partito Democratico – sembra spingere per lasciare a Tim il controllo della nuova società, mentre dall’altra il ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli (a nome del MoVimento 5 Stelle), sostiene la necessità di un controllo statale della società della Rete Unica, con le opposizioni (Giorgia Meloni in testa), che invocano una vera e propria nazionalizzazione della rete.
“La politica non ha ancora fatto capire cosa si vuole veramente – spiega l’avvocato Genna -, ma dovrebbe farlo se vuole evitare scontri con l’antitrust e rischiare di invalidare l’accordo”.
“Telecom sicuramente vorrà firmare un accordo prima della presentazione del bilancio agli azionisti, quindi entro il mese di marzo – aggiunge -. Ciò vuol dire che nel giro di sei mesi si dovrà definire la governance e dare valore ai conferimenti di Tim in FiberCop. Si tratta di un passaggio delicato, che tra l’altro sarà oggetto dell’esame dell’antistrust europeo. E firmare un accordo a marzo, per poi subire dopo un anno un giudizio negativo da parte dell’Europa sarebbe deleterio. Meglio allora fare un accordo che sia immediatamente compatibile con l’antitrust, anche correndo il rischio di far deflagrare il mercato”. Anche perchè le recenti dichiarazioni del commissario europeo alla Concorrenza Vestager hanno segnalato proprio le criticità di una rete unica che non sia indipendente da qualsiasi operatore al dettaglio.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Regeni, Fico “Egitto di indirizzi agenti indagati a magistrati”

23 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “L’Egitto finora non ha collaborato per appurare la verità sul sequestro, le torture e l’uccisione di Giulio Regeni, questa è una grave ferita nei rapporti fra i nostri Paesi. E’ per questo che la Camera italiana ha interrotto i rapporti parlamentari con il Parlamento egiziano. Noi ci aspettiamo – come Paese – […]

[…]

Top News

Pnrr, Messa “Scegliere dove investire ed evitare campanilismi”

23 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Dobbiamo mettere a terra gli investimenti previsti dal Pnrr lavorando contemporaneamente su risorse e sulle riforme che vanno fatte per attrarre più giovani. Le regioni del Mezzogiorno hanno un vantaggio: i ragazzi vogliono andare all’università nel loro Paese e non da qualsiasi altra parte nel mondo. Gli atenei devono quindi trovare il […]

[…]

Top News

Inzaghi “Contro la Juve gara che va oltre i 3 punti”

23 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “Domani è una partita molto importante, al di là dei tre punti in palio. Dovremo fare una grandissima gara”. Simone Inzaghi presenta così Inter-Juventus, big match della nona giornata di serie A che andrà in scena al “Meazza” domenica sera alle 20.45. “Gli scontri diretti sono importantissimi al di là dei punti […]

[…]

Top News

Open Arms, Salvini: “Andare a processo è surreale”

23 Ottobre 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – “Difendere i confini, la sicurezza l’onore di un Paese è un dovere, andare a processo perchè ho fatto il mio dovere è surreale”. E’ quanto ha dichiarato l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, all’uscita dall’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo, dove si è svolto il processo a suo carico per sequestro di […]

[…]