Poliposi nasale colpisce 2-4% popolazione, al via campagna informativa

ROMA (ITALPRESS) – Patologia infiammatoria, cronica, persistente e dal forte impatto sul benessere fisico ed emotivo, la poliposi nasale colpisce circa il 2-4% della popolazione. Nonostante questo, la conoscenza della patologia è ancora scarsa e i pazienti più gravi rinunciano a curarsi per mancanza di opzioni risolutive. Di questo si è discusso all’evento online “Non ‘sbattere il nasò contro la poliposi nasale”, promosso da Sanofi, che ha presentato anche la campagna di sensibilizzazione “Vinci contro i disagi della poliposi nasale”.
“Spesso le persone affette da rinosinusite cronica con poliposi nasale, specie nelle forme più gravi, hanno un percorso di diagnosi e trattamento lungo e complesso con la necessità di ricorrere periodicamente alla chirurgia per liberare il naso”, ha affermato Gaetano Paludetti, presidente Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-facciale, direttore dell’UOC di Otorinolaringoiatria del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e Università Cattolica.
“Difficilmente riescono ad arrivare a una risoluzione del problema – ha aggiunto – tramite le terapie croniche a base di cortisone, intranasali o sistemiche, considerate finora lo standard di trattamento”. Per Gianenrico Senna, presidente SIAAIC (Società Italiana di Allergologia e Immunologia Clinica), “l’elemento chiave dal punto di vista della patogenesi di questa malattia è la cascata infiammatoria, che è una concatenazione di eventi che avvengono nel microambiente in cui partecipano sia mediatori sia cellule. In questa catena – ha spiegato -, il momento iniziale può essere vario, può essere l’allergene o fattori irritanti come l’inquinamento o il virus”.
Secondo Mario Bussi, direttore unità di Otorinolaringoiatria dell’IRCCS San Raffaele di Milano e presidente del Congresso della Società italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-facciale (SIOeChCF), tra i sintomi che “devono portare il paziente a farsi controllare” ci sono il “blocco della respirazione nasale, prevalentemente bilaterale”, la “progressiva scomparsa di forme sensoriali essenziali come l’olfatto e, come conseguenza, il gusto” e poi “ci può essere il sintomo del peso in testa, anche se forse la cefalea viene associata in maniera un pò troppo facile alla sinusite”, ha aggiunto.
La campagna di sensibilizzazione di Sanofi ha l’obiettivo di fornire ai pazienti gli strumenti per essere correttamente informati sulla patologia, permette di individuare il centro di otorinolaringoiatria e allergologia più vicino attraverso il sito www.thenextbreath.it ed è patrocinata da cinque società scientifiche (AICNA, AIITO, IAR, SIAAIC e SIOeChCF) e dalle due associazioni di pazienti attive a livello nazionale (Federasma e Allergie Onlus e Federazione Italiana Pazienti e Respiriamo insieme). “E’ una campagna di informazione sulla poliposi nasale – ha detto Michele Barletta, responsabile dell’area Respiratorio – Franchise Immunologia di Sanofi – e di sensibilizzazione sul problema. Il nostro impegno è stato quello di provare a facilitare la possibilità di reperire informazioni utili attraverso il canale digitale”. “Siamo stati molto felici di sostenere questa campagna”, ha affermato Simona Barbaglia, presidente di Respiriamo Insieme Onlus, sottolineando che i pazienti “attraversano un calvario a volte lungo, di anni, per arrivare a una diagnosi corretta, non avendo strumenti adeguati e vivendo spesso un disagio dato dalla solitudine nel dovere affrontare una patologia che non conoscono. Il nostro dovere – ha aggiunto – è quello di collaborare per migliorare l’informazione e la sensibilizzazione su questa patologia”. Nadia Magarò di FederAsma ha evidenziato quanto “la poliposi nasale possa avere un impatto negativo” sulla vita dei pazienti, con “disturbi che necessitano di una presa in carico adeguata e multidisciplinare”. Per Magarò occorre considerare anche l’aspetto psicologico, soprattutto in relazione alla “perdita di olfatto e gusto” che “impedisce anche il ricordo di tanti eventi della vita”. “Bisogna fare una diagnosi abbastanza precoce – ha aggiunto infine Paludetti -, cercare di curare fin dall’inizio le problematiche, esami più approfonditi da eseguire e lavorare insieme con un team multidisciplinare”. Per Paludetti l’augurio è che “la campagna sia utile a pazienti, medici e anche a coloro che affrontano il problema dal punto di vista della ricerca”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Corte Conti Ue “Nel bilancio europeo troppi errori sulla spesa”

26 Ottobre 2021 0
LUSSEMBURGO (ITALPRESS) – I conti dell’Unione Europea per l’esercizio finanziario 2020 forniscono una “immagine fedele e veritiera” della situazione finanziaria, specialmente per le entrate, mentre i pagamenti restano inficiati da troppi errori. E’ questa la conclusione alla quale è pervenuta la Corte dei conti europea nella relazione speciale sull’esercizio finanziario 2020 pubblicata oggi. Per il […]

[…]

Top News

Draghi incontra Salvini, Lega “Evitare il ritorno alla legge Fornero”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio a Palazzo Chigi il segretario della Lega, Matteo Salvini. Lo rende noto la Presidenza del Consiglio.Di “lungo e positivo colloquio” parla la Lega, che spiega: “Il leader del Carroccio ha illustrato le sue proposte per rilanciare il Paese e difendere lavoro e […]

[…]

Top News

Renzi “Sul ddl Zan avevamo ragione noi”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul Ddl Zan, Letta apre alle modifiche, come noi avevamo suggerito quattro mesi fa. Bene così, è una scelta che apprezzo. Nessuno fortunatamente ha insultato Enrico, come invece in tanti hanno fatto con noi, quando avevamo posto il tema. La verità è che avevamo ragione: se vogliamo che la legge passi, vanno […]

[…]

Avellino

Blitz antidroga ad Avellino: in manette pregiudicato di 50 anni

25 Ottobre 2021 0

Gli agenti della Mobile di Avellino, hanno tratto in arresto un 50enne pregiudicato avellinese, responsabile di spaccio di droga. I poliziotti, conoscendo già l’uomo come possibile spacciatore, hanno eseguito una perquisizione domiciliare e hanno ritrovato marijuana […]