Pensioni, gli italiani divisi sul destino di Quota 100

ROMA (ITALPRESS) – Da tempo si discute sul destino di “Quota 100”, la riforma delle pensioni voluta fortemente dalla Lega nel precedente governo “gialloverde”, in scadenza nel 2021 e, con molta probabilità, non rinnovata per i prossimi anni. Gli italiani, su questo argomento, si dividono tra il 34,7% dei favorevoli all’abolizione e il 40% dei contrari. Le diverse scuole di pensiero si registrano anche all’interno delle varie coalizioni, con gli elettori di Forza Italia in controtendenza rispetto agli altri partiti di centrodestra, mentre nell’area di Governo gli elettori del M5S, a differenza degli alleati di centrosinistra, sono in maggioranza contrari all’abolizione.
Oltre Quota 100, anche il Reddito di Cittadinanza varato dal Governo Conte 1, negli ultimi tempi è stato messo in discussione.
Su questo aspetto, metà del campione ritiene che questo provvedimento debba essere abolito. Opinione trasversale a livello geografico, ad esclusione dei residenti nel Sud, dove prevale la voglia di applicare al Reddito di Cittadinanza delle modifiche e degli adeguamenti.
Dati Euromedia Research per Italpress – Realizzato il 29/09/2020 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, per Gentiloni economia rallenta ma fiducia nel futuro

27 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – La seconda ondata del Covid-19, che ha colpito gran parte dei paesi europei, provocherà sicuramente un ulteriore rallentamento economico. E’ quanto ha sostenuto il Commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, nel corso dell’Intereconomics conference del Ceps. “Le misure che i governi europei hanno dovuto adottare per abbassare la curva, restringendo spostamenti e contatti […]

[…]

Top News

Coronavirus, Renzi “Siamo in maggioranza ma non saremo mai ‘yes man’”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al Premier di rivedere il DPCM. Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati. Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità”. Lo scrive su […]

[…]