Peggiora la situazione economica delle famiglie

ROMA (ITALPRESS) – Nonostante l’anno difficile, gli italiani sono soddisfatti per la proprio vita personale ma per 1 famiglia su 3 è peggiorata la situazione economica. E’ quanto emerge dal report dell’Istat “La soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita, nel 2020”. Anche nelle fasi iniziali della pandemia, una quota rilevante di cittadini ha continuato a manifestare un giudizio positivo per la propria vita personale. Nella prima parte dell’anno le dimensioni della salute, delle relazioni familiari e amicali o del tempo libero, valutate nei 12 mesi precedenti, hanno continuato a soddisfare e gratificare quote elevate di popolazione. Il giudizio sulla situazione economica personale è rimasto positivo per la maggioranza delle persone, ma è peggiorato tra i lavoratori autonomi. Emergono segnali di criticità per la situazione economica familiare: sale dal 25,7% al 29,1% la quota di famiglie che dichiarano un peggioramento rispetto al 2019. Il 44,3% le persone che dichiarano un’elevata soddisfazione per la loro vita.
Rispetto agli anni precedenti, in generale la crescita della soddisfazione ha riguardato gli occupati, con l’eccezione dei lavoratori in proprio. A livello territoriale, il Nord presenta la quota più alta di coloro che dichiarano un voto compreso tra 8 e 10 rispetto alla soddisfazione per la vita (48,3%), il Centro una quota intermedia (42,7%) e il Mezzogiorno la quota minore (39,8%). Nel 2020, l’89,7% delle persone di 14 anni e oltre esprime un giudizio positivo. Solo una quota residuale, l’1,5%, giudica questo tipo di relazioni per niente soddisfacente. L’impatto iniziale della pandemia non incide sulla soddisfazione per la salute. Sul proprio stato di salute l’81,6% degli individui di 14 anni e oltre esprime un giudizio positivo (molto o abbastanza soddisfatti). Nel complesso, la soddisfazione per questo aspetto della vita diminuisce al crescere dell’età e raggiunge il minimo nella classe dei 75enni e più (56,9%).
La maggioranza delle famiglie giudicano invariata la propria situazione economica rispetto all’anno precedente (62,8%), tuttavia si registra un calo della percezione di stabilità (65,2% nel 2019) e un aumento di quella di peggioramento (29,1% rispetto a 25,7% del 2019). I dati del 2020 mostrano come la cautela sia ancora l’atteggiamento prevalente. Alla domanda se ci si possa fidare della maggior parte delle persone oppure bisogna stare molto attenti, il 75,3% delle persone risponde che “bisogna stare molto attenti” mentre il 23,2% è orientato a un atteggiamento di fiducia.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Cdm approva riforma, nuove tutele per i lavoratori dello spettacolo

10 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il disegno di legge approvato oggi in Consiglio dei Ministri completerà, al termine dell’esame parlamentare, l’opera avviata con il decreto legge Sostegni bis per un nuovo sistema di welfare in favore del mondo dello spettacolo e aprirà contestualmente a una importante stagione di riforme. Attraverso l’interlocuzione costante con gli operatori del settore […]

[…]

Top News

Covid, 2.079 nuovi casi e 88 decessi in 24 ore

10 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 2.079 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 2.199) a fronte di 205.335 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività dell’1.01%. E’ quanto riporta il bollettino del ministero della Salute. I decessi sono stati 88 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 77 registrati ieri.I guariti sono 7.616 e […]

[…]

Top News

Covid, Fontana “Dal 14 giugno Lombardia in zona bianca”

10 Giugno 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Da lunedì 14 la Lombardia passerà in ‘zona biancà. Lo afferma il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del bando ‘La Lombardia è dei giovani 2021’ a Palazzo Lombardia. “L’indice di incidenza è di 23 su 100mila, è la terza settimana che vengono confermati dati di […]

[…]

Top News

Stato di diritto, Parlamento Ue citerà la Commissione per inadempienza

10 Giugno 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – In una risoluzione adottata con 506 voti favorevoli, 150 contrari e 28 astensioni, il Parlamento Europeo, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, fanno notare che “nonostante il nuovo strumento di condizionalità per proteggere il bilancio UE (e che si applica anche al Recovery) sia in vigore dal 1° gennaio 2021, la […]

[…]