Nasce il ministero della Transizione Ecologica

ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge “Ministeri”, che riorganizza competenze e strutture di alcuni dicasteri. Nasce così con questo provvedimento il ministero della Transizione ecologica (Mite), che sostituisce il ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Ampio l’ambito di azione del nuovo dicastero, che assorbe, oltre a tutte le competenze dell’ex ministero dell’Ambiente, anche alcune delle competenze chiave nel processo della transizione ecologica, inerenti principalmente il settore dell’energia. In quest’ottica è previsto il passaggio nella nuova struttura di alcune Direzioni del Ministero dello Sviluppo economico.
“Oggi il Consiglio dei Ministri ha decretato la nascita del MiTE, il Ministero della transizione ecologica – commenta il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani – e parte quel percorso di costruzione che vede il governo intero impegnato nella realizzazione di questa nuova visione. Tutte le politiche afferenti a questo obiettivo primario faranno riferimento al MiTE: quella energetica, delle emissioni, lo sviluppo sostenibile, la mobilità green, le politiche di contrasto ai cambiamenti climatici. Senza dimenticare la mission storica del ministero: la valorizzazione dell’ambiente, del territorio e dell’ecosistema, la conservazione delle aree naturali protette e della biodiversità, l’economia circolare, le bonifiche, la difesa del territorio e la lotta ai danni ambientali. E’ una sfida imponente, e tutto il Governo è impegnato a lavorare per portarla a termine. Abbiamo davanti a noi poco tempo per vincerla, ce lo dicono i dati scientifici sui cambiamenti climatici”.
“Infine – conclude il ministro – voglio porre l’accento sul nuovo acronimo del ministero: MiTE. La mitezza è la virtù perduta che va recuperata e che indica il modo in cui intendiamo operare: puntare sulla forza degli argomenti e sulla consapevolezza della sfida ambientale e sociale, confrontandosi con grande apertura, avendo a cuore le future generazioni”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, Letta “Su riaperture decisione unanime”

16 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quelle di oggi sono state decisioni prese unanimemente. Sono decisioni importanti che danno fiducia al Paese”. Lo dice il segretario del PD Enrico Letta uscendo dal colloquio con il premier Draghi. “Il presidente ha parlato di rischio ragionato e questo rischio possiamo correrlo insieme se i comportamenti di tutti saranno responsabili”, continua […]

[…]

Top News

Coronavirus, la Campania passa in zona arancione da lunedì

16 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 19 aprile. Passa in area arancione la regione Campania. Lo riferisce il ministero.(ITALPRESS).

[…]

Top News

Covid, Brusaferro “Rt sotto 1, calano ricoveri e contagi over 80”

16 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Nel resto d’Europa la curva è in salita, in Italia la curva è in lenta decrescita, quasi tutte le regioni hanno una decrescita, qualcuna ha valori in crescita. Il numero di nuovi casi per 100 mila abitanti è pari a 182 rispetto ai 185 della settimana scarsa, e rappresenta una decrescita consolidata. […]

[…]

Top News

Covid, Meloni “Si continua con miope e inconcludente visione”

16 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “A più di un anno dall’inizio della pandemia si continua con la stessa miope e inconcludente visione che ci ha portati fin qui. Resta il coprifuoco alle 22 e rimane il sistema delle zone, con il ritorno di quella gialla. Sono confermate le chiusure fino al 26 aprile e non si sa […]

[…]

Top News

Coronavirus, 15.943 nuovi casi e 429 decessi in 24 ore

16 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – In calo in Italia i casi di coronavirus. Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute i nuovi positivi sono 15.943 (ieri erano stati 16.974), ciò a fronte di 327.704 tamponi effettuati con un tasso di positività che si attesta al 4,8%. I decessi tornano a salire a 429. I guariti sono […]

[…]