Milan ai quarti di Coppa Italia, Torino ko ai rigori

MILANO (ITALPRESS) – La lotteria dei rigori di San Siro promuove il Milan ai quarti di finale di Coppa Italia e boccia il Torino. Dopo 120′ sfilati via senza gol (nonostante due pali dei rossoneri), l’errore dal dischetto di Rincon elimina i granata e fa avanzare il Diavolo, che ora attende la Fiorentina o l’Inter che si sfideranno domani al Franchi. Tante le novità nei due schieramenti titolari rispetto alla sfida di campionato di sabato. Gli ospiti lasciano in panchina capitan Belotti e si presentano al Meazza con Gojak a supporto di Zaza, Pioli rilancia dal 1′ Musacchio dopo 11 mesi al centro della difesa con Romagnoli e riabbraccia Ibrahimovic dopo i pochi minuti concessi tre giorni fa. Lo svedese cerca di ritrovare il ritmo partita ma al 30′ non sfrutta un illuminante lancio di Calabria, nuovamente nel ruolo di centrocampista per concedere un meritato riposo a Kessiè. Il Milan pressa alto il Toro ma la squadra di Giampaolo ritrova quel coraggio mancato nello 0-2 contro la capolista in campionato: ottimo il lavoro di Zaza spalle alla porta, ma l’unica conclusione nello specchio è di Gojak e viene respinta da un attento Tatarusanu.
Le squadre rientrano negli spogliatoi sul risultato di 0-0, Pioli decide dunque di cambiare abito al Diavolo: fuori Ibra e Castillejo, dentro Calhanoglu e Hauge con Leao spostato nella posizione di punta ed è il portoghese a sfiorare il gol del vantaggio al 50′, quando è decisivo l’intervento di Milinkovic-Savic. E’ il preludio di un assalto furioso ma sfortunato: i rossoneri colpiscono due pali in due minuti prima con Dalot e poi con Calabria, poi reclama per un contatto dubbio tra Leao e Milinkovic-Savic dopo che il portiere aveva pasticciato coi piedi. Valeri fa proseguire ed espelle Gigio Donnarumma per proteste dalla panchina, il Toro regge e trascina la contesa ai supplementari, ma neppure dopo i 30′ aggiuntivi lo score si sblocca. Dagli undici metri l’equilibrio viene spezzato solamente dall’errore nel quarto rigore di Rincon, parato da Tatarusanu, prima del timbro al quinto penalty di Calhanoglu.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Senza categoria

Catania Avellino 2-2. Lupi belli a metà

20 Ottobre 2021 0

Settimo pareggio in stagione per la squadra di Piero Braglia che pareggia al Massimino di Catania 2-2. E dopo 20 anni porta punti a casa da questa trasferta (l’ultimo pareggio nel 2001, l’ultima vittoria risale addirittura al […]

Top News

Atalanta rimontata all’Old Trafford, CR7 condanna la Dea

20 Ottobre 2021 0
MANCHESTER (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Non basta all’Atalanta un doppio vantaggio iniziale per avere la meglio sul Manchester United. All’Old Trafford sono Ronaldo e compagni a passare in rimonta per 3-2 al termine di una sfida emozionante. I bergamaschi partono bene e passano al 15′. Ilicic serve Zappacosta sulla destra che mette in mezzo un rasoterra […]

[…]

Top News

La Juve vince anche in Russia, Kulusevski stende lo Zenit

20 Ottobre 2021 0
SAN PIETROBURGO (RUSSIA) (ITALPRESS) – Tre ottimi punti quelli ottenuti dalla Juventus a San Pietroburgo grazie all’1-0 nella terza giornata del Gruppo H di Champions League. Quella contro lo Zenit si è confermata ancora una volta una sfida difficile e avara di gol così com’era già successo nel doppio confronto della stagione 2008-2009 quando i […]

[…]

Top News

Vaccino, Speranza “Valuteremo terza dose su evidenzia scientifica”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La terza dose è stata autorizzata per gli immunocompromessi, in questo caso non si tratta di un richiamo ma di un completamento di vaccinazione primaria. Le altre categorie sono gli ultra 80enni, gli ospiti delle Rsa e i fragili di ogni età. L’evidenza scientifica ci porterà a valutare la terza dose anche […]

[…]

Ariano Irpino

Ariano Irpino, giovane precipita dal ponte della panoramica

20 Ottobre 2021 0

Un giovane di 31 anni è morto ad Ariano Irpino precipitando da un viadotto in via Maddalena. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Ariano Irpino. La salma, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stata portata […]