Mafia, Fico “Attenzione resti alta soprattutto in fase Covid”

AGRIGENTO (ITALPRESS) – “La criminalità organizzata, nonostante i successi della giustizia, ha aumentato la capacità di controllare settori della società lasciati vacanti dallo Stato. Per questo l’attenzione deve essere alta, soprattutto in questo momento, dopo il Covid, perchè le mafie potrebbero approfittarsene. Le disuguaglianze sociali sono il terreno fertile per le mafie e a rischio sono anche le risorse della Comunità europea. L’impegno della politica deve essere quello di stare al fianco dei cittadini affinchè nessuno resti indietro”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, intervendo al Tribunale di Agrigento a un evento in memoria del giudice Livatino, ucciso 30 anni fa dalla mafia.
“Per me è un onore ricordare Livatino – ha sottolineato Fico – Quell’omicidio ha segnato la mia coscienza da studente. Livatino era un magistrato giovane, coraggioso e determinato. Nel suo impegno in magistratura Livatino ha combattuto la mafia, ricordare oggi il giudice significa esprimere un omaggio sincero e sentito nei confronti di un magistrato che ha combattuto la criminalità ma è anche l’occasione per ricordare che bisogna praticare la cultura della legalità che Livatino, Falcone e Borsellino hanno indicato come via imprescindibile”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Cronaca

Paura a Montoro: incendio di vaste proporzioni

1 Agosto 2021 0

Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato nel tardo pomeriggio a Montoro. Paura tra la popolazione mentre sul posto accorrevano i mezzi dei Vigili del fuoco e della Protezione Civile. Per cause in corso […]

Top News

Covid, 5321 nuovi casi in Italia. Cinque vittime nelle ultime ore

1 Agosto 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Cala il numero dei nuovi contagiati Covid in Italia: i nuovi casi sono 5.321, in discesa rispetto ai 6.513 registrati ieri; cala anche il numero di tamponi processati, solo 167.761. Il tasso di positività si impenna e passa dal 2,4% di ieri al 3,17%. Cala notevolmente il numero dei decessi, 5 le […]

[…]