Inter convincente, Sassuolo sconfitto 3-0 a Reggio Emilia

REGGIO EMILIA (ITALPRESS) – L’Inter è tornata. Letale in zona gol, lucida in fase di costruzione e perfetta su distanze e transizioni, la squadra di Antonio Conte batte il Sassuolo per 3-0 al Mapei Stadium e reagisce a critiche e malumori dopo la sconfitta in Champions League contro il Real Madrid. Senza Lukaku dal 1′ (turno di riposo in panchina) è Lautaro ad indossare la veste del trascinatore. Il Toro al 4′ costruisce la rete del vantaggio fiondandosi su una palla in profondità, vincendo il duello fisico con Chiriches e servendo ad Alexis Sanchez una palla comoda da appoggiare in rete per l’1-0. Per Vidal – nel mirino della critica per l’espulsione a San Siro di mercoledì – c’è la soddisfazione invece di propiziare l’autogol del 2-0 al 14′ con un tiro-cross che sbatte sul corpo di Chiriches prima di rotolare oltre la linea di porta alle spalle di Consigli. La reazione del Sassuolo è affidata a Boga e Djuricic che al 21′ dalla distanza colpisce il palo esterno con un destro a giro. L’ultima chance del primo tempo è sempre di marca neroverde: Djuricic si incarica di un calcio piazzato e scodella una palla in area per la testa di Locatelli che sfiora il palo e regala un brivido ad Handanovic. Nella ripresa l’Inter lascia al Sassuolo l’iniziativa del gioco con quasi il 65% del possesso a favore della squadra di casa. Ma alla prima ripartenza pericolosa i nerazzurri sono letali: al 60′ Darmian corre sulla fascia e scarica al centro per Gagliardini che col mancino batte Consigli e firma il 3-0 definitivo.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 2/8/2021

2 Agosto 2021 0

In questa edizione: – Inail, aumentano gli incidenti sul lavoro – Germania, stop ai test gratuiti per no vax – Ad agosto in vacanza 20,8 milioni di italiani – A Roma torna a splendere Piazza […]

Top News

Strage Bologna, Cartabia “Polvere si sta diradando”

2 Agosto 2021 0
BOLOGNA (ITALPRESS) – “Quarantuno anni dopo quel 2 agosto 1980, la polvere che rivestiva i corpi martoriati di chi si trovava in stazione; quella polvere, che avvolse Bologna in un’unica nubesoffocante e che troppo a lungo ha coperto molteplici responsabilità, oggi, quella polvere piano piano si sta diradando, lasciando intravedere nuovi contorni e nuovi profili”. […]

[…]