Inquinamento fiume Sarno, sequestrate 4 aziende in Campania

NAPOLI (ITALPRESS) – I Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, in esecuzione di quattro decreti di sequestro preventivo, hanno proceduto al sequestro di quattro aziende operanti nel settore della metallurgia pesante e dell’attività conserviera, nei Comuni di Striano, Pagani e Scafati. I legali rappresentanti delle aziende sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di scarico abusivo di reflui industriali, abbandono di rifiuti speciali pericolosi, e in un caso, altresì, del reato di emissioni in atmosfera senza autorizzazione.
Il sequestro preventivo delle aziende, secondo quanto concordemente ritenuto dai gip di Nocera Inferiore e di Torre Annunziata, si è reso necessario per impedire il protrarsi dei reati accertati e l’aggravamento delle conseguenze degli stessi e così evitare la compromissione ulteriore dell’ambiente circostante.
I sequestri si inseriscono in una più ampia e articolata attività investigativa condotta in modo capillare dai Carabinieri del Comando Tutela Ambientale e dai Carabinieri Forestali, avvalendosi della collaborazione tecnica di personale dell’Arpac, e tuttora in corso di svolgimento, sotto il coordinamento sinergico delle Procure della Repubblica di Avellino, Nocera Inferiore e Torre Annunziata, finalizzata ad accertare le cause dell’inquinamento del fiume Sarno.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Salvini “Il reddito di cittadinanza vada solo a chi non può lavorare”

23 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul reddito di cittadinanza la posizione della Lega è chiara, va confermato a chi non può lavorare e queste persone vanno aiutate perchè nessuno può essere dimenticato. Il problema è che ci sono migliaia di persone che incassano fino a 1.000 euro al mese che non vogliono lavorare e rifiutano i lavori […]

[…]

Top News

Dal Consiglio dei Ministri via libera al decreto contro il caro bollette

23 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas nel quarto trimestre 2021.Le nuove misure intervengono a vantaggio degli oltre 3 milioni di persone che beneficiano del “bonus energia”: nuclei che hanno un Isee inferiore a 8265 […]

[…]