Forza Italia, Tajani “Nessun inciucio, non entreremo nella maggioranza”

ROMA (ITALPRESS) – “Non c’è nessun inciucio o tentativo di rimpasto, noi siamo alternativi alla sinistra. Chi ha sconfitto la sinistra in Italia è stato Silvio Berlusconi e oggi se non ci fosse Forza Italia il centrodestra sarebbe isolato in Europa e non potrebbe andare al governo. In questo momento è più importante la salute e il lavoro degli italiani, sarebbe da irresponsabili non preoccuparsi degli italiani e preoccuparsi di piccoli giochi di partito. Non abbiamo alcun interesse a far parte della maggioranza”. Lo ha detto il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ad Agorà su Rai3.
E parlando dei tre forzisti ieri che hanno aderito al gruppo della Lega ha aggiunto: “Noi ci stiamo preoccupando del lavoro, della salute degli italiani, delle imprese e abbiamo presentato delle proposte concrete per far uscire il Paese da un momento di crisi tremenda, preoccuparsi di giochi e di giochetti di palazzo non è la nostra priorità. Chi tradisce un partito non trova grande fortuna politica ed è destinato a scomparire, mi dispiace per chi se ne è andato”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

San Marino, anche nel 2020 torna il “Natale delle Meraviglie”

20 Novembre 2020 0
SAN MARINO (ITALPRESS) – Presentata l’edizione 2020 del Natale delle Meraviglie, l’appuntamento tradizionale del Natale della Repubblica di San Marino voluto dalla Segreteria di Stato per il Turismo. L’emergenza sanitaria non ferma la manifestazione che però viene adeguata agli standard di sicurezza necessari e rinuncia ad alcune attrazioni inizialmente previste. Ci saranno i mercatini, allestimenti […]

[…]

Top News

Forza Italia, Tajani “Nessun inciucio, non entreremo nella maggioranza”

20 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Non c’è nessun inciucio o tentativo di rimpasto, noi siamo alternativi alla sinistra. Chi ha sconfitto la sinistra in Italia è stato Silvio Berlusconi e oggi se non ci fosse Forza Italia il centrodestra sarebbe isolato in Europa e non potrebbe andare al governo. In questo momento è più importante la salute […]

[…]