Covid, Brusaferro “Le misure funzionano, ma mantenere alta l’attenzione”

ROMA (ITALPRESS) – Rt in calo a 0,98, ma ancora troppo vicino all’1 e ricoveri in terapia intensiva in aumento. Non sono buoni i dati del consueto report settimanale dell’Istituto Superiore della Sanità. Nonostante il lieve calo dei contagi, 232 ogni 100 mila abitanti, contro i 240 della scorsa settimana, il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro è preoccupato per l’aumento dei ricoveri, “con il 41% delle terapie intensive occupate da pazienti Covid. “In tutti i paesi europei c’è stata una ripartenza dei contagi, c’è una decrescita molto lenta della curva”, ha detto Brusaferro nel corso della conferenza stampa settimanale della cabina di regia.
“In Italia, rispetto alla settimana scorsa, si registra un lieve calo dei contagi, ma la decrescita è molto lenta. Rimane basso il numero dei contagi tra gli operatori sanitari, e questo dato dimostra l’importanza dell’efficacia dei vaccini. C’è stata un’inversione della crescita dei contagi tra gli over 80 di fatto la percentuale dei focolai tra strutture ospedaliere e Rsa ha avuto una decrescita molto netta”. Sul fronte vaccini Giovanni Rezza, direttore generale della prevenzione presso il ministero della Salute, ha spiegato che “in questo momento stiamo vaccinando soprattutto per proteggere le persone più fragile, non per far sì che il virus circoli di meno, per raggiungere un’immunità di gregge. Noi così abbattiamo la mortalità e dall’altra parte ritardiamo il raggiungimento dell’immunità di gregge. Per raggiungere l’immunita c’è bisogno di vaccini che proteggono dall’infezione e non solo dalla malattia”.
“L’andamento delle vaccinazioni sta crescendo – ha aggiunto Brusaferro – mentre sul piano dei contagi la curva di decrescita è ancora lenta. Le misure stanno funzionando ma occorre mantenere ancora tanta attenzione”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Infantino “Fifa disapprova la Superlega, spero si sistemi tutto”

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Fatemi essere estremamente chiaro: la Fifa è una organizzazione basata sui veri valori dello sport e disapprova fortemente la creazione di una Superlega, un progetto del tutto fuori dal sistema”. Lo ha dichiarato il presidente della Fifa, Gianni Infantino, nel suo intervento al Congresso dell’Uefa in corso a Montreux. “Se alcune società […]

[…]

Top News

Covid, Draghi “Rafforzare i sistemi sanitari e la cooperazione”

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “L’attuale pandemia ci impone di essere meglio preparati per il futuro. Dobbiamo sostenere la ricerca, rafforzare le catene di approvvigionamento e ristrutturare i sistemi sanitari nazionali. Dobbiamo rafforzare il coordinamento e la cooperazione globali”. Lo ha detto il premier Mario Draghi in un videomessaggio nel corso del webinar di ascolto con i […]

[…]

Top News

Salvini “Nel prossimo Cdm proporremo il coprifuoco alle 23”

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sulle riaperture siamo a metà dell’opera, abbiamo ottenuto che valessero le regole della scienza, in altre capitali europee da tempo, rispettando le regole di sicurezza, sono aperti bar e ristoranti fino alle 23, sono aperti cinema, teatri. Se i dati saranno confortanti nei prossimi giorni bisogna aprire di più, non solo per […]

[…]

Top News

Aeroporti, nel 2020 passeggeri in calo del 72,5%

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono stati 52.759.724 i passeggeri transitati negli aeroporti italiani nel 2020, tra traffico nazionale e internazionale, con un decremento rispetto al 2019 del -72,5%. Il traffico nazionale, con i suoi 25 milioni di passeggeri ha registrato una diminuzione più moderata, -61,1%, rispetto al traffico internazionale, -78,3%, con un totale di circa 27.700.000 […]

[…]

Top News

A rischio usura 40 mila imprese, il Sud l’area più esposta

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Gli effetti del Covid sono stati “devastanti per il mondo delle imprese. In assenza di adeguati sostegni e di un preciso piano di riaperture, rischiano la definitiva chiusura 300mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi, di cui circa 240mila esclusivamente a causa della pandemia. Le difficoltà economiche per le imprese […]

[…]