Coronavirus, Speranza “Mi fido degli insegnanti, no test obbligatori”

ROMA (ITALPRESS) – “Non abbiamo paura di mettere obblighi, ma penso che dobbiamo anche fidarci di più dei cittadini. Il messaggio che dà lo Stato quando decide di non porre un obbligo se non c’è assoluta necessità vuol dire questo”. Lo ha detto Roberto Speranza, ministro della Salute, a “Stasera Italia” su Retequattro. “Io mi fido degli insegnanti, credo siano un valore – ha proseguito – ed è per questo che non rendiamo obbligatori i test”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Gattuso “Non ho litigato con la squadra ma niente alibi”

25 Novembre 2020 0
NAPOLI (ITALPRESS) – “Quello che è stato scritto non è tuttovero. Non ho litigato con la squadra, ho espresso il mio pensiero. Nella mia squadra devono pensare a lavorare, firmiamo contratti importanti e siamo tutelati, in questo momento chi cerca alibi non può stare con me. Io vivo questo lavoro a 300 all’ora tutti i […]

[…]

Top News

Un terzo degli italiani teme un Natale con restrizioni e lockdown

25 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Manca esattamente un mese al Natale. Un Natale insolito e con ancora un punto di domanda sul “come sarà”. Oltre un terzo degli italiani immagina queste prossime festività con restrizioni e lockdown mirati per regioni. Una sensazione ancora più forte tra chi attualmente si ritrova in zona gialla e che, quindi, può […]

[…]

Top News

Spadafora “C’è la riforma dello sport, Coni problema da risolvere”

25 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “La riforma c’è ed è molto importante, di sicuro non è una riformina: sono convinto che queste norme avranno un impatto enorme”. Vincenzo Spadafora presenta così il testo unico di riforma dello sport approvato dal Consiglio dei ministri, con norme importanti a partire dal riconoscimento del lavoro sportivo per cui sono stati […]

[…]

Top News

Fecondazione assistita, nasce il gruppo di centri Pma GeneraLife

25 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Fecondazione assistita di tipo eterologo, cioè con l’utilizzo di gameti esterni alla coppia, messi a disposizione da donatori o donatrici: dopo le note sentenze della Corte costituzionale, che hanno aperto a questa tecnica dal 2014 anche in Italia, sembra continuino a permanere le difficoltà delle coppie con problemi di infertilità del nostro […]

[…]