Coronavirus, De Luca “Da lunedì chiudiamo le scuole in Campania”

NAPOLI (ITALPRESS). “Vi comunico che da lunedì chiudiamo tutte le scuole”. Lo ha annunciato il Presidente della Campania Vincenzo De Luca nel corso della consueta diretta social del venerdì pomeriggio. “Abbiamo registrato in queste ore – spiega il governatore – in particolare nelle scuole di Napoli, la presenza della variante inglese. Non credo dobbiamo aspettare ci sia un’epidemia diffusa di Covid anche tra i ragazzi di 10-15-18 anni. Con buona pace di qualche comitato, che è sempre pronto a fare ricorso al tribunale amministrativo, dobbiamo far fronte alle varianti emerse e dobbiamo utilizzare qualche settimana per completare la vaccinazione del personale scolastico. Non c’è nulla di ideologico – conclude De Luca – sono due motivi chiari, indifferenti alla logica della lamentela continua”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Ambiente e sostenibilità, partnership Italpress-Arma dei Carabinieri

23 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sostenibilità, difesa dell’ambiente, legalità. Sono le tre parole chiave della nuova partnership siglata tra l’agenzia di stampa Italpress e l’Arma dei Carabinieri e presentata ufficialmente nel corso di un incontro a Roma, al quartier generale di viale Romania, fra il direttore responsabile dell’Italpress Gaspare Borsellino, il consulente per l’Area Video Claudio Brachino […]

[…]

Top News

Ponte sullo Stretto, Salini “Pronti a partire anche domani”

23 Aprile 2021 0
CATANIA (ITALPRESS) – “Il Ponte sullo Stretto? Siamo in grado di cominciare subito, anche domani. Abbiamo i progetti pronti, li abbiamo realizzati e ci sono pagine di approvazione. Ci sono 50 anni di studi ed approvazioni. E’ un progetto che era stato cantierato ed è pronto per essere eseguito. Poi il Paese ha deciso di […]

[…]

Top News

Bianchi “Direzione di marcia è scuola al 100%”

23 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che tutti concordino sulla necessità di riportare in presenza anche tutti i ragazzi delle scuole superiori, su questo tutti concordavamo, vi era una divergenza sul 60%; l’indicazione del governo lascia una ampia flessibilità per giungere al 100% nei tempi e nei modi che i territori potranno riconoscere”. Lo ha detto il […]

[…]