Coronavirus, 23.696 nuovi casi e 460 morti nelle ultime 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – Crescono ancora i contagi da coronavirus in Italia. Il numero dei nuovi positivi nelle ultime 24 ore sono – secondo il bollettino del Ministero della Salute – 23.696, contro i 21.267 di ieri, a fronte di 349.472 tamponi processati e che determina un indice di positività al 6,7%. Stabili i decessi a 460. I guariti sono 21.673 mentre gli attuali positivi crescono di 1.548 unità, attestandosi a 562.856. Intanto per la prima volta dopo giorni si riduce il numero dei pazienti ricoverati nei reparti ordinari: 28.424. Balzo delle terapie intensive con 3.620 ricoverati complessivi (+32), e 260 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare vi sono 530.812 persone. La regione con il maggior numero di casi si conferma la Lombardia (5.046), seguita da Piemonte (2.582) ed Emilia-Romagna (2.070).
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Lavoro, Orlando “Confido presto in riforma degli ammortizzatori”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Confido di portare abbastanza presto una riforma degli ammortizzatori sociali. Abbiamo bisogno di avere formazione e di strumenti in grado di accompagnare le imprese nella transizione che avverrà, da quella digitale a quelle ecologica”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ospite di “Mattino5” su Canale 5. “Ora bisognerà aiutare […]

[…]

Top News

Politecnico di Torino, al via l’iniziativa culturale “Cinque Libri”

5 Maggio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – In un momento storico caratterizzato da comunicazioni estremamente numerose e spesso molto brevi, il Politecnico di Torino è convinto che il libro sia più importante che mai, un antidoto potente per orientarsi nel frastuono spesso assordante dell’attualità. Libro, quindi, inteso come oggetto a cui dedicare tempo e attenzione, che genera riflessioni e […]

[…]

Top News

Carfagna “Il Ponte sullo Stretto è una priorità”

5 Maggio 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – “Nella mia visione il Ponte sullo Stretto è una priorità. Può essere fatto con risorse nazionali e presto la relazione del Comitato appositamente insediato ci dirà anche quale modello è preferibile. Ma non facciamo gli ingenui: il Ponte è una di quelle grandi opere che cambiano un Paese. Serve un accordo politico […]

[…]