Coronavirus, 17.455 nuovi casi e 192 decessi in 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – Sono 17.455 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 18.916) a fronte di 257.024 tamponi effettuati su un totale di 40.132.887 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità di oggi. Nelle ultime 24 ore sono stati 192 i decessi (ieri 280) per un totale di 97.699 vittime da inizio pandemia. Con quelli di oggi diventano 2.925.265 i casi totali di Covid in Italia. Attualmente i positivi sono 422.367 (+10.401), 401.498 le persone in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 18.638 di cui 2.231 in terapia intensiva.
I dimessi/guariti sono 2.405.199 con un incremento di 6.847 unità nelle ultime 24 ore.
La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è la Lombardia (3.529), seguita dall’Emilia-Romagna (2.610), Campania (2.561) e Lazio (1.341).
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

In aumento nuovi casi Covid, 360 morti e tasso al 4,4%

22 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nuovo incremento dei casi di coronavirus in Italia. Dai 13.844 di ieri si sale ai 16.232 di oggi, questo a fronte di 364.804 tamponi processati che fa calare il tasso di positività al 4,4%. Quasi stabili i decessi a quota 360 (-4). Secondo il bollettino del ministero della Salute i guariti sono […]

[…]

Top News

Giustizia, Sisto “Riforma sia anche culturale, no processo mediatico”

22 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La giustizia deve recuperare un rapporto col cittadino di riconciliazione. Se non hai sbagliato il processo non deve diventare una sanzione esso stesso. Prima di tutto la riforma deve essere culturale, bisogna partire dalla Costituzione”. Così il sottosegretario alla giustizia Francesco Paolo Sisto, intervistato da Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” […]

[…]

Top News

Clima, Draghi “Affrontare cambiamento ora per non rimpiangere dopo”

22 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Mentre combattiamo la pandemia nei nostri Paesi, non possiamo perdere di vista l’altra crisi che dobbiamo affrontare: il cambiamento climatico. Nell’accordo di Parigi, ci siamo impegnati a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi celsius rispetto ai livelli preindustriali. Ma le azioni che abbiamo intrapreso da allora si sono rivelate insufficienti. In […]

[…]