Cisal “Sul lavoro agile bisogna regolamentare i parametri”

ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso il primo incontro interlocutorio per la definizione degli atti di indirizzo sul “lavoro agile” presso il ministero della pubblica amministrazione. Per la delegazione Cisal erano presenti Marcello Pacifico e Gianmauro Nonnis. Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, ha affermato che “occorre fare un distinguo tra il lavoro agile già normato in parte dal Jobs act e il telelavoro che si sta di fatto utilizzando per gli effetti della pandemia; la modalità adesso utilizzata non ha sufficienti parametri per la definizione degli straordinari, della valorizzazione del lavoro accessorio, del diritto alla disconnessione”. Infatti “per quanto riguarda il lavoro agile ci sono delle cose che devono essere normate nel contratto, sia nel lavoro pubblico che in quello privato, e devono andare a rivisitare e disciplinare i vecchi istituti. Se il Governo vuole andare verso il 70% della PA che utilizza questo lavoro agile, come maniera ordinaria al di là dell’epidemia e del 15 ottobre, unica data che autorizza lo stato emergenziale, bisogna regolamentare. E’ ovvio dunque che nel rinnovo dei contratti ci deve essere una grande rivisitazione su come svolgere questa attività. Anche per quanto riguarda il salario accessorio, i premi e i risultati, quindi gli incrementi di stipendio. Poi importante è il diritto alla disconnessione”.
“Ben venga da parte del ministro l’avvio dei tavoli per la definizione degli atti di indirizzo però occorre definire in partenza gli estremi dell’intervento, a titolo di esempio il comparto scuola, che contiene a grandi linee quasi la metà del pubblico impiego, si vede escluso dal lavoro agile dal decreto agostano, come indicato dal legislatore, fatto dovuto alla riapertura della scuola – ha sottolineato Pacifico -. Ma sappiamo che alcune scuole non riapriranno; quindi serve un emendamento per definire meglio quello che si voleva dire. Bisogna dunque porre anche attenzione al concetto di lavoratori fragili. Quindi se le scuole dovessero chiudere per quarantena, il personale docente e amministrativo posto in smart working non si capisce a quale categoria lavorativa farebbe capo, alla pari dei lavoratori fragili esonerati dal servizio in sede, risulterebbero inabili al lavoro in sede ma abili per il medesimo lavoro in remoto”. In effetti, questo marasma “sul preciso inquadramento lavorativo crea confusione anche tra i lavoratori e differenze di interpretazione tra sezioni del medesimo comparto. Siamo lieti che si aprano questi tavoli per andare ad analizzare gli atti di indirizzo, i contratti vanno rinnovati, potrebbero essere utilizzati i fondi del Recovery Fund. Infine è necessario avere indicazioni celeri sulla riapertura, visto che lunedì prossimo le scuole riapriranno tutte”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Polonia, Von der Leyen “Non tollereremo rischi per valori comuni Ue”

19 Ottobre 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “Per la prima volta in assoluto un tribunale di uno Stato membro rileva l’incompatibilità dei Trattati europei con la Costituzione nazionale. E questo ha gravi conseguenze per il popolo polacco perchè la decisione ha un impatto diretto sulla protezione e l’indipendenza della magistratura”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, […]

[…]

Top News

Orlando “Il Pd è uscito dalla Ztl, premiata la linea inclusiva”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Avevamo sensazioni buone, ma sicuramente non avremmo scommesso su una vittoria così significativa. Il 60 a 40 di Roma non è isolato, c’è una tendenza di carattere generale che premia il centrosinistra da Varese a Cosenza”. Lo afferma in un’intervista al quotidiano La Repubblica il ministro del Lavoro Andrea Orlando, in merito […]

[…]

Top News

Il posticipo va al Venezia, Aramu stende la Fiorentina

18 Ottobre 2021 0
VENEZIA (ITALPRESS) – Sono 3 punti pesanti in chiave salvezza quelli conquistati dal Venezia, che nel posticipo dell’ottava giornata supera per 1-0 la Fiorentina uscendo momentaneamente dalla zona retrocessione. Dopo un avvio tutt’altro che emozionante è la Viola a creare la prima occasione da rete al 21′ quando Bonaventura ci prova dal limite dell’area ma […]

[…]

Top News

Al Vinitaly qualità e tutela sono le parole d’ordine

18 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Seconda giornata di Vinitaly nella sua Special Edition, con un occhio ai mercati internazionali ma anche a quello interno, oggi sorprendente. In questo settore si assiste a una rivoluzione rosa: le donne sono produttrici e manager nel settore vinicolo, ma soprattutto nel 2021 le wine lovers hanno superato gli uomini passando, secondo […]

[…]

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]