Boccia “Su riforma elettorale Pd è stato chiaro, discussione esaustiva”

CARINI (PALERMO) (ITALPRESS) – “Sulla riforma elettorale la discussione in Commissione era stata abbastanza esaustiva. Ora dipenderà dal confronto tra le forze politiche di maggioranza, il Pd non deve aggiungere altro”.
Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, oggi a Carini, in provincia di Palermo, a margine di una iniziativa elettorale a sostegno del candidato sindaco Giovi Monteleone.
“Nicola Zingaretti – ha aggiunto – è stato piuttosto chiaro, si va avanti e ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. Poi il Parlamento è sempre sovrano, quindi se la maggioranza è lineare e rispettosa degli impegni assunti con il Pd si va avanti su quella strada. Altrimenti, sulla Legge Elettorale più consenso si trova in Parlamento meglio è per tutti”.
Il ministro è poi intervenuto sull’allenza con il Movimento Cinque Stelle.
“L’alleanza con il M5s – ha sottolineato – io la auspico dal 2013. E’ evidente che per un’alleanza è necessario tagliarsi i ponti alle spalle. E chi è nato è cresciuto nel Pd – ha aggiunto – sa che significa tagliarsi i ponti alle spalle e avere il coraggio di costruire un progetto collettivo che inevitabilmente va oltre le rispettive storie politiche. Ora tocca al M5s fare questo percorso interno, però siamo rispettosi dell’evoluzione e del loro travaglio interno. Sappiamo aspettare sapendo che nelle ultime elezioni Regionali se non ci fosse stato il Pd le regioni sarebbero tutte nelle mani di Salvini e Meloni”.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Il Politecnico di Torino apre le porte ai futuri studenti

20 Aprile 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Anche quest’anno gli Open Days del Politecnico di Torino saranno virtuali, ma con una novità rispetto al passato: il primo appuntamento sarà dedicato alla presentazione dei corsi di Laurea Triennale, dal 21 al 23 aprile, mentre dal 26 al 28 maggio prossimi sarà la volta dei corsi Magistrali. Una scelta che va […]

[…]

Top News

Le badanti dopo la pandemia, sono più anziane e il 60% lavora in nero

20 Aprile 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Silenti ma presenti: le badanti sono quasi un milione in Italia, di cui il 60% lavora in nero. La ricerca realizzata da Acli Lombardia con il sostegno e contributo da parte di Fondazione Cariplo ha scattato una fotografia su come sono cambiate in questi anni, e soprattutto dopo oltre un anno di […]

[…]