Addio a Paolo Rossi, eroe a suon di gol del Mondiale 1982

ROMA (ITALPRESS) – Addio ad un altro pezzo della storia del calcio. A pochi giorni dalla scomparsa di Diego Armando Maradona, arriva nella notte la notizia della morte di Paolo Rossi, il bomber per antonomasia, l’eroe gentile e timido dell’Italia che, nel 1982, fece esplodere le piazze vincendo in Spagna il suo terzo Mondiale.

Nato a Prato il 23 settembre 1956, Rossi, stroncato a 64 anni da un male incurabile, si fece conoscere al grande pubblico con il Vicenza di Fabbri, si consacrò nel Perugia del primo sponsor sulle maglie e divenne ‘Pablitò nell’estate del 1982, due anni dopo il suo passaggio alla Juventus.

Non fu facile per la punta toscana tornare a calcare i campi, dopo aver perso l’Europeo casalingo del 1980 per una squalifica di due anni a causa di una presunta combine di Avellino-Perugia, match in cui peraltro segnò una doppietta.

Rossi tornò giusto in tempo per togliere il posto al romanista Roberto Pruzzo, che finì la stagione da capocannoniere, e per prendere per mano la Nazionale di Enzo Bearzot ai Mondiali di ‘Spagna 1982’.

Dopo una prima fase non certo esaltante, Rossi si trasformò come per magia in Pablito, realizzando tre reti al Brasile dei fenomeni Zico e Falcao, due in semifinale alla Polonia di Boniek e uno, il primo, nel match per il titolo al ‘Santiago Bernabeù di Madrid con la Germania Ovest di Rummenigge, vinto dagli azzurri per 3-1 sotto gli occhi felici del presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Una cavalcata incredibile per un attaccante definito ‘di rapinà per un fiuto del gol che nel tempo ha avuto pochissimi rivali.

Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri, Rossi detiene ancora il record italiano di marcature in una rassegna iridata a quota 9 gol, ed è stato il primo giocatore (eguagliato dal solo Ronaldo, quello verdeoro) ad aver vinto nello stesso anno il Mondiale, assieme al titolo di capocannoniere, e il Pallone d’oro.

Rossi fa incetta di trofei anche in maglia bianconera, mettendo in bacheca due scudetti, una Coppa Italia, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Uefa e, dulcis in fundo, la Coppa dei Campioni 1984-1985.

Successivamente passò al Milan e al Verona, dove a 31 anni, e dopo una lunga serie di infortuni e problemi alle ginocchia, diede addio alla carriera agonistica.

Rossi occupa la 42esima posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del ventesimo secolo pubblicata dalla rivista World Soccer e nel 2004 è stato inserito nel Fifa 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi, selezionata da Pelè e dalla Fifa in occasione del centenario della federazione.

Lascia la moglie Federica Cappelletti, sposata in seconde nozze nel 2010, e tre figli: Sofia Elena, Maria Vittoria e Alessandro.
(ITALPRESS).

Ultimi Articoli

Top News

Pirlo “Il Milan resta la squadra da battere”

9 Gennaio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – “Ci prendiamo le nostre responsabilità: vinciamo da nove anni, è normale che su di noi ci sia pressione. Considero però il Milan ancora la squadra da battere, perchè è in testa alla classifica”. Così il tecnico della Juventus, Andrea Pirlo, alla vigilia del match casalingo con il Sassuolo che arriva quattro giorni […]

[…]

Top News

Open Arms, Salvini “Ho difeso sicurezza e leggi del Paese”

9 Gennaio 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – E’ stata rinviata al 14 gennaio e poi al 20 marzo l’udienza del processo per la vicenda della nave Open Arms, nel quale compare il leader della Lega Matteo Salvini, all’epoca dei fatti ministro dell’Interno. La decisione è stata presa dal Gup di Palermo. Questa mattina Salvini si è presentato nell’aula bunker […]

[…]

Top News

Conte “Roma da scudetto, test importante per ambizioni Inter”

9 Gennaio 2021 0
APPIANO GENTILE (ITALPRESS) – “Affrontiamo una squadra forte che sta giocando molto bene e che è nel gruppo di formazioni che può lottare per lo scudetto e la Champions”. Così il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, alla vigilia del match di domani in casa della Roma. “In partite del genere è normale misurare la tua forza […]

[…]

Top News

Goggia trionfa in discesa libera a St. Anton

9 Gennaio 2021 0
ST. ANTON AM ARLBERG (AUSTRIA) (ITALPRESS) – Sofia Goggia mette il suo secondo timbro stagionale a St. Anton, il nono della carriera. La bergamasca domina la discesa libera austriaca rifilando poco meno di un secondo a Tamara Tippler, l’avversaria che si è avvicinata di più all’azzurra, seconda. Una vittoria che permette alla lombarda di allungare […]

[…]