Acqua, sulla qualità luci e ombre al Sud, il nodo delle “zone grigie”

La qualità del servizio idrico al Sud Italia e nelle isole è generalmente buona ma ci sono “zone grigie”, ovvero aree di cui ancora non si conoscono i dati. E’ quanto emerge da un’analisi delle informazioni che Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, ha raccolto e pubblicato sul proprio sito in mappe interattive relative alla qualità contrattuale dei servizi idrici forniti ai cittadini.
La popolazione nazionale è servita per il 43% da gestori che offrono un livello di qualità buono per quanto riguarda l’avvio e la cessazione del rapporto contrattuale. Per il 34%, invece, si registra un ottimo livello di qualità e solo per il 3% si ha una classificazione “discreta” (dati non trasmessi per il 20%). Considerando in particolare le regioni del Sud e le isole, per il 37% si registrano buoni livelli di qualità per avvio e cessazione del rapporto contrattuale. Ottima qualità per l’11%, discreta per il 7% ma buona parte dei territori non ha trasmesso i dati (44%). Per quanto riguarda la gestione del rapporto contrattuale e l’accessibilità del servizio, soltanto il 15% della popolazione del Mezzogiorno è servita da operatori che si trovano nella fascia di qualità più elevata.
Un livello “buono” per il 34% e discreto per il 7%. Dati che migliorano se si considera l’intero territorio nazionale, con un gap di 40 punti nella fascia di qualità più elevata (classe ottima per il 55%, buona 19%, discreta 5%, dati non trasmessi 20%). Proprio in relazione alla gestione del rapporto contrattuale e all’accessibilità del servizio, da un confronto tra i comuni capoluogo delle regioni del Sud emerge che la qualità è generalmente discreta a Palermo, Potenza e Matera; buona a Napoli, Salerno e nelle città pugliesi; ottima a L’Aquila, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta e Agrigento (i dati si riferiscono al 2018).
In una mappa in cui i livelli di qualità sono indicati con i colori, al Mezzogiorno “ci sono varie tonalità” ma “il problema – spiega Guerrini all’Italpress – è che c’è il colore grigio. Si tratta di gestioni che non hanno inviato i dati all’autorità”.
Oltre alla Sardegna, per cui esistono “deroghe”, i vuoti informativi riguardano Calabria, Molise, parte della Sicilia e della Campania. “I cittadini di queste regioni – aggiunge – non possono confrontare dati sulla qualità contrattuale, Per esempio, in riferimento ai tempi medi del complesso delle performance dei gestori, l’attesa agli sportelli dovrebbe essere in media di 20 minuti. Fanno meglio le lucane Potenza e Matera con un tempo medio di 10,4 minuti, ma anche Bari e L’Aquila dove i cittadini attendono allo sportello rispettivamente 15,3 e 18 minuti in media. Napoli, invece, si attesta a 29,5 minuti.
Inoltre, rispetto allo standard di tre ore per arrivare sul luogo di chiamata per pronto intervento, il capoluogo partenopeo raggiunge il 78,2%. Poco sopra Bari con il 79,8% e poi L’Aquila con il 94,4% mentre in Sicilia raggiungono il 100% Siracusa, Trapani, Ragusa e Caltanissetta. Il tempo medio di attesa da rispettare per il servizio telefonico è di 240 secondi.
Elena Picciocchi

Ultimi Articoli

Top News

Primo successo Cagliari, 3-1 alla Samp doppietta Joao Pedro

17 Ottobre 2021 0
CAGLIARI (ITALPRESS) – Il primo successo del Cagliari in campionato arriva in casa contro la Sampdoria. Nel lunch match dell’ottava giornata di campionato i rossoblù vincono 3-1 grazie alla doppietta di Joao Pedro e alla rete di Caceres. Inutile per i blucerchiati il gol di Thorsby. I sardi agganciano a quota 6 proprio i liguri […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi, alle 12 affluenza sotto il 10%

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Urne aperte per i ballottaggi. Si vota oggi fino alle 23 e domani, dalle ore 7 alle 15. L’affluenza alle 12 è al 9.73%, mentre al primo turno era stata del 12.18%. Dopo i risultati di 3 e 4 ottobre, quando si è tenuto il primo turno, resta ancora da decidere il […]

[…]

Top News

Ballottaggi, alle 12 affluenza al 9.73%

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Alle 12 ha votato il 9,73% per i ballottaggi nei 63 Comuni chiamati al voto. La rilevazione è del Viminale e non tiene conto delle comunali in Friuli Venezia Giulia. Al primo turno alla stessa ora aveva votato il 12,18 per cento. (ITALPRESS).

[…]

Top News

Industria e distribuzione a governo, tavolo filiera prezzi materie prime

17 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – L’industria dei beni di consumo e le aziende della distribuzione moderna chiedono al governo di aprire un tavolo di filiera per valutare le possibili conseguenze del rincaro dei prezzi delle materie prime ed energetiche sulla ripresa economica. La comunicazione, siglata dai Presidenti di Centromarca e IBC – Associazione Industrie Beni di Consumo […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi, occhi puntati su Roma e Torino

17 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Urne aperte per i ballottaggi. Si vota oggi fino alle 23 e domani, dalle ore 7 alle 15. Dopo i risultati di 3 e 4 ottobre, quando si è tenuto il primo turno, resta ancora da decidere il futuro di 65 comuni in Italia, dove gli elettori dovranno scegliere i sindaci delle […]

[…]

Cronaca

Montefredane, incendiati 12 automezzi

17 Ottobre 2021 0

Dodici mezzi pesanti sono stati distrutti dalle fiamme, all’interno di un deposito nella zona industriale di Arcella. L’incendio ha impegnato diverse squadre dei vigili del fuoco di Avellino, supportati dai distaccamenti di Montella e Grottaminarda […]