Scandone, il futuro è legato alla Sidigas. Nominato il liquidatore Basile

di Pierluigi Vergineo

E’ stato ufficializzato questa mattina il passaggio di consegne da Gerardo Santoli, da fine settembre amministratore unico della Scandone Avellino, a Luciano Basile, liquidatore del club. Non è stato possibile attuare il cambio di denominazione da Spa a SSD a causa dell’azzeramento del capitale sociale. Da qui la nomina di Basile, che amministrerà le finanze della Scandone.

“Il 26 settembre scorso sono stato chiamato da Gianluca Festa, dall’amministratore delegato della Sidigas, Scalella e dal custode giudiziario Francesco Baldassarre per gestire la Scandone. Una missione quasi impossibile, che abbiamo affrontato con il massimo impegno – ha dichiarato Santoli in conferenza stampa -. In poche ore abbiamo organizzato un roster per affrontare il campionato, organizzando la vita di ogni singolo giocatore, compresi vitto e alloggio. Sono stati pagati tre lodi, due mensilità ai tesserati e due rate alla FIP, senza lasciare neppure un euro di debito. Questo è stato possibile anche grazie alla sottoscrizione di 400 abbonamenti, per cui ringrazio ancora chi ci ha sostenuto. Ci sono stati dei problemi con il PalaDelMauro, non è stata fatta la voltura dell’energia elettrica a carico del Comune e ora ne paghiamo le conseguenze. Neppure questa era una spesa inserita negli accordi iniziali, ma ce ne siamo fatti carico per far sì che la squadra possa giocare la domenica al PalaDelMauro. A causa dell’azzeramento del capitale sociale mi sono trovato di fronte a due strade: ricapitalizzare o mettere in liquidazione la Scandone. Siccome la Sidigas non poteva ricapitalizzare abbiamo optato per la seconda strada. Basile si occuperà della liquidazione atta solo ad una ricapitalizzazione. Si procederà al piano di ristrutturazione del debito della Sidigas per avere una Scandone finalmente riorganizzata”.

Quel che è certo è che il futuro della Scandone è legato alla Sidigas e al piano di ristrutturazione da presentare in Tribunale: “Da liquidatore avrò il compito di incassare i crediti e pagare i debiti – ha detto Luciano Basile -. La Sidigas ci supporta dal punto di vista tecnico. Tutto è legato al piano di ristrutturazione del debito che l’azienda presenterà a inizio anno. La ricapitalizzazione? Dipendiamo dalla Sidigas, bisognerà capire dove reperire le risorse. La Scandone fa parte del piano di ristrutturazione e si farà riferimento ai flussi di cassa. Il futuro? Si saprà intorno a metà gennaio, quando verrà presentato il piano, poi bisognerà attendere 120 giorni per l’omologazione. In ogni caso la Scandone può essere venduta”.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]

Top News

Letta “Il voto rilancia il Pd e rafforza il Governo”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il Pd oggi è rilanciato, vince ovunque queste elezioni”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla sede del Nazareno, commentando i risultati dei ballottaggi.“Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori e gli elettori sono più avanti di noi, perchè si sono saldati e hanno […]

[…]

Attualità

Furbetti all’Asl di Avellino, 27 condanne

18 Ottobre 2021 0

Ventisette condanne e sei assoluzioni nel processo di primo grado nei confronti di 33 dipendenti ed ex dipendenti della Asl di Avellino accusati di assentarsi dal lavoro dopo aver “strisciato” il badge. Il giudice monocratico, […]