L’irpino De Simone porta il Trapani in serie B: “Ora tocca all’Avellino”

Avellino è in serie B attraverso il Trapani: da tre mesi, esattamente dallo scorso 5 marzo, c’è un avellinese doc alla guida della società Trapani Calcio che, quel giorno, comunicò ufficialmente: “La Liberty Lines comunica che è stato siglato l’accordo per la cessione dell’intero pacchetto azionario del Trapani calcio alla società FM service srl, rappresentata da Maurizio De Simone”.

Proprietario unico della società appena approdata in serie B è, dunque, l’avellinese Maurizio De Simone, 38 anni, da sempre nel mondo del calcio dapprima quale giornalista sportivo, poi collaboratore dell’Avellino Calcio, quindi la recente esperienza iniziata con il Trapani dove è riuscito a gestire un momento assai delicato, a livello societario, mantenendo compatto un gruppo che è ha saputo ottenere un risultato ritenuto impensabile a inizio stagione.

Emozionato, al termine della gara vinta contro il Piacenza, Maurizio De Simone ha avuto un pensiero per la sua squadra del cuore: “Abbiamo compiuto un’impresa eccezionale portando in B una società che fino a pochi mesi fa veniva ritenuta inaffidabile dai poteri forti del calcio. Sono felicissimo per avere contribuito a riportare il Trapani in serie B, sarò ancora più felice quando potrò rivedere tra i cadetti e tifare come ho sempre fatto per il mio Avellino”

 

Ultimi Articoli

Top News

In Italia 600 mila nuovi poveri per il Covid

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – L’allargamento delle maglie del disagio sociale, un aumento delle disparità, un più ampio gender gap. Sono alcuni dei dati emersi dal secondo Rapporto Censis -Tendercapital sui Buoni Investimenti, “La sostenibilità al tempo del primato della salute”, presentato oggi, dal quale emerge una società in affanno, che a causa della pandemia vede ampliarsi […]

[…]

Top News

Il Covid frena l’export di vino, -4,6% per l’Italia

23 Novembre 2020 0
VERONA (ITALPRESS) – La pandemia condiziona il commercio mondiale di vino, ma anche qui l’impatto varia a seconda dei casi. Per l’Italia, che nel 2020 chiuderà il proprio export con un -4,6% a valore (6,1 miliardi di euro) sull’anno precedente, gli effetti saranno complessivamente più leggeri rispetto al trend globale (-10,5%) e ancora di più […]

[…]