L’Avellino come Marzullo: si faccia una domanda e si dia una risposta

Siamo arrivati pure a questo, nell’Avellino: l’auto-intervista. Un pò come l’auto-trasfusione per i ciclisti che vogliono migliorare le prestazioni.

Nel timore di ricevere domande compliate dai giornalisti e nel timore di non sapere fornire una risposta convincente, la società ha deciso che i tesserati rilasceranno dichiarazioni registrate, senza contraddittorio.

Tanto vale scrivere un comunicato, dando la possibilità di fare il copia&incolla a chi volesse ospitare l’auto-intervista, evitando perdite di tempo per ascoltare frasi scontate, senza possibilità di ottenere particolari ed eventuali chiarimenti.

Quale nostra risposta a un modo di fare che andrebbe esaminato anche dall’ordine dei giornalisti, nel prendere atto di ciò, appare scontato che non pubblicheremo l’auto-intervista.

Ci dispiace per quei tifosi che ora si taglierannolevene, non potendo conoscere il pensiero dei tesserati dell’Avellino, men che mai di tale Padovano, l’allenatore in seconda che si è prestato a tale siparietto che mortifica pure il suo lavoro.

Del resto, da un tesserato che era venuto a lavorare gratis ad Avellino, cosa ci si poteva aspettare?

E Capuano che consente tutto questo? Che fine ha fatto l’allenatore tutto di un pezzo? Tacitato da un contratto biennale (garantito in Federazione, quindi soldi sicuri), il buon Capuano ha acconsentito a tutto questo.

Per quanto ci riguarda, i tesserati dell’Avellino non troveranno spazio su Irpiniaoggi. Potranno agire come suggerisce l’ottimo Gigi Marzullo: “Si faccia una domanda e si dia una risposta”.

E, aggiungiamo noi l’augurio di trovare qualcuno che abbia voglia di ospitare quelle frasi zeppe di ovvietà, di pensieri scontati, di pietose bugie.

Ormai dovete fare tutto da soli. Magari anche andare da un notaio che si faccia l’auto-atto di trasferimento delle azioni.

Quando avrete bisogno di spazio perle vostre esternazioni, potrete fare così: una bella auto-intervista, magari a casa vostra. Così troverete qualcuno che abbia voglia di ascoltarvi.

3

E noi risparmieremo perdite di tempo per raccogliere le vostre dichiarazioni, comprenderne il significato, tradurle in italiano e pubblicarle.

Potremmo pure suggerire di utilizzare lo spazio dei pubbliredazionali, a pagamento. Ma rischieremmo di correre dietro ai soldi…

Ultimi Articoli

Top News

A luglio vendite al dettaglio in calo del 2,2%

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – A luglio 2020 l’Istat stima, per le vendite al dettaglio, una diminuzione rispetto a giugno del 2,2% in valore e del 3,1% in volume. In calo sia le vendite dei beni non alimentari (-3,2% in valore e -4,8% in volume), sia quelle dei beni alimentari (-1,0% in valore e -0,8% in volume). […]

[…]

Top News

Furlan “Senza il blocco dei licenziamenti coesione sociale in frantumi”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “E’ stato un incontro utile per i tanti lavoratori della sanità privata che da 14 anni non vedono il rinnovo del loro contratto, ieri Bonomi si è impegnato a sbloccare questa situazione e fare in modo che entro il mese si firmi il contratto. Ma c’è stata anche la riconferma di voler […]

[…]

Top News

Coronavirus, l’arte mondiale si mobilita. Asta benefica a Pietrasanta

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Artisti internazionali per Pietrasanta. La città ha invitato i tanti artisti che lavorano e vivono nella Piccola Atene, riconosciuta come centro mondiale per lavorazione artistica del marmo e del bronzo, a donare un’opera per aiutare chi è in difficoltà a causa del covid. All’appello hanno risposto in 28, tra i quali nomi […]

[…]

Top News

Mattarella “L’alfabetizzazione è un motore di giustizia e sviluppo”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “L’alfabetizzazione consente alle persone di partecipare pienamente alla vita sociale attraverso l’esercizio concreto del diritto all’istruzione e offre la possibilità di migliorare i mezzi di sussistenza. Oggi nel mondo ci sono ancora almeno settecentosettantatre milioni di adulti che non hanno competenze di alfabetizzazione di base, rischiando così l’esclusione dalla sfera pubblica e […]

[…]