La Sidigas si è dimenticata della Scandone: lodi non pagati, futuro nero

Non c’è stato il terzo miracolo. Dopo avere iscritto la squadra al campionato ed evitato una penalizzazione attraverso il pagamento di alcuni lodi, la Scandone incasserà dalla FIP almeno quattro punti di penalizzazione, per non essere riuscita, entro oggi, a estinguere altri 5 lodi (Filloy, Maffezzoli, Papa, Cavaliere e un procuratore). Mercato bloccato, probabilmente fino al termine della stagione, con il rischio di vedersi togliere l’affiliazione nel caso in cui, entro il 30 giugno, la società non dovesse mettersi in regola.

Nessuna notizia dalla Sidigas, dal custode giudiziario Baldassarre, dall’amministratore delegato Scalella. Dei sei punti conquistati sul campo, almeno quattro andranno perduti. La Scandone, oggi terzultima, sprofonderebbe ulteriormente in classifica, a un passo dalla retrocessione in Serie C, che potrebbe non essere disputata se nessuno provvederà a risolvere la questione lodi e a iscrivere la squadra in estate.

“Non erano queste le promesse della scorsa estate, gli orizzonti sono mutati. Mi avevano detto di stringere i denti, che a gennaio le cose sarebbero cambiate. Non è stato così. E ora? Non ha senso chiedersi se sia stato giusto continuare a portare avanti la storia della Scandone, anche al Sindaco Festa, che va ringraziato, perché è merito suo se siamo ancora vivi, avevano detto tutt’altre cose. Ora non resta che stringere i denti, affrontare ogni avversario con la fame di un lupo, sperando di terminare nel migliore dei modi la stagione”, così, afflitto e sconsolato, il coach biancoverde Gianluca De Gennaro ha presentato la sfida contro lo Scauri, valevole per la prima gara del girone di ritorno.

Con soli dieci uomini a disposizione, senza l’infortunato De Leo e privato di Erkmaa, che ha giustamente preferito trasferirsi nella vicina Napoli, De Gennaro dovrà fare di necessità virtù, sperando che dal fronte Sidigas battano finalmente un colpo, ricordandosi di essere ancora proprietari di una società di pallacanestro, fiore all’occhiello per l’intera provincia fino alla scorsa estate.

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 20/10/2021

20 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Covid-19, è record di tamponi in 24 ore – Consiglio dei Ministri approva documento programmatico manovra 2022 – Target riciclo carta: Italia precede obiettivo europeo di 15 anni – Mercato immobiliare: […]

Top News

Aziende sanitarie e Ordini insieme per chiedere 53 mila stabilizzazioni

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Assumere i precari della sanità reclutati durante l’emergenza Covid. E’ la proposta avanzata dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere alle istituzioni l’8 ottobre scorso per chiedere la stabilizzazione dei professionisti impegnati in prima linea durante la pandemia, e che ha ottenuto piena condivisione e sostegno da parte della Federazione Nazionale degli […]

[…]

Top News

Credito, ancora attive moratorie su prestiti per circa 64 miliardi

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora attive moratorie per un valore complessivo di circa 64 miliardi, a fronte di poco più di 570 mila sospensioni accordate. Sono i principali risultati della rilevazione effettuata dalla task force costituita per promuovere l’attuazione delle misure a sostegno della liquidità adottate dal Governo per far fronte all’emergenza Covid-19, di cui fanno […]

[…]

Top News

Attacco hacker alla Siae, rubati 60 gigabyte di dati sugli artisti

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Attacco hacker alla Siae, la Società Italiana degli Autori ed Editori. Secondo quanto si apprende, sono stati rubati 60 gigabyte di dati sensibili degli artisti iscritti. E’ anche stato chiesto un riscatto in bitcoin, che la Siae però non intende pagare, perchè mancano garanzie concrete che la diffusione dei dati venga bloccata.La […]

[…]

Top News

Dopo dieci anni Weidmann lascia la guida della Bundesbank

20 Ottobre 2021 0
FRANCOFORTE (GERMANIA) (ITALPRESS) – Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ha chiesto al presidente federale Frank-Walter Steinmeier di dimetterlo dall’incarico il 31 dicembre. Lascerà la Banca Centrale Tedesca, che dirige dal maggio 2011, per motivi personali. “Sono giunto alla conclusione che più di 10 anni sono una buona misura di tempo per voltare pagina – […]

[…]

Top News

Draghi “Si sta in Europa non per bisogno ma per realismo e idealismo”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Più si va avanti e più si scopre che non riusciamo a vincere queste sfide globali che superano i confini nazionali. Non saremo riusciti a vincere le sfide della pandemia, certamente non saremo riusciti a vincere la sfida di costruire una ripresa dopo il disastro provocato dalla pandemia. E’ impossibile vincere la […]

[…]