Fuori dalla B per colpa di una fideiussione: a Palermo tremano ripensando all’Avellino

Il Palermo è in pieno caos e con quasi tutti e due i piedi fuori dalla Serie B.

Tutta colpa di una fideiussione cartacea non depositata a mano negli uffici della Lega di B a Milano e inviata soltanto via pec “alle 23.59” come spiegato dalla dirigenza rosanero.

Sembra di ripercorrere la stessa vicenda vissuta dall’Avellino di Walter Taccone, esclusa dal professionismo a causa di una polizza fideiussoria (la rumena Onix Asigurari) priva di rating e, quindi, non conforme al regolamento.

Non è rumena, ma è bulgara, invece, quella stipulata dal Palermo con la Lev Ins “regolarmente iscritta a Registro” come spiegato dal proprietario del club siciliano, Salvatore Tuttolomondo.

La coincidenza non è passata inosservata ai giornalisti presenti in sala stampa, al momento della conferenza tenuta dagli esponenti della Arkus, società che ha rilevato il 100% delle quote da Maurizio Zamparini.

“Il precedente dell’Avellino? Non conosco la vicenda, è materia dei nostri legali. Siamo sereni nella nostra posizione, il nostro caso è una causa di forza maggiore rispetto alla quale nulla possiamo fare”, si è difeso Tuttolomondo – come si legge sul sito I Love Palermo Calcio – adducendo la responsabilità del caos alla compagnia di assicurazione e al crash tecnico che ha rallentato l’invio della polizia.

Il Palermo è in regola? Il 4 luglio lo stabilirà la Covisoc, ma il (triste) deja-vu è solo all’inizio. Anche perché Tuttolomondo ha già dichiarato che, in caso di mancata iscrizione, “daremo battaglia legale per far valere le nostre ragioni”. Un’altra estate concitata, tanto per cambiare.

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 11/10/2021

11 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Covid-19, 2.278 casi nelle ultime 24 ore – Roma, Palazzo Chigi prende provvedimenti dopo la manifestazione no green pass sfociata in violenza – Pagamenti digitali: in netto aumento con il Cashback […]

Top News

Incremento acquisito Pil 2021 al 4,7%

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La revisione dei conti nazionali annuali ha confermato che, in base ai dati dei primi due trimestri, l’incremento acquisito del Pil italiano per il 2021 è pari al 4,7%. E’ quanto sottolinea l’Istat nella Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana. Il Pil in volume è risultato in calo dell’8,9% nel 2020 mentre i […]

[…]

Top News

Banche, ad agosto prestiti +1,8% su base annua

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dell’1,8 per cento sui dodici mesi (2,1 nel mese precedente). I prestiti alle famiglie sono aumentati del 3,7 per cento sui dodici mesi (3,8 nel mese precedente) […]

[…]

Top News

Pmi, il digitale per risolvere il problema della carenza di liquidità

11 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Secondo le stime dell’Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano il mercato potenziale del credito di filiera in Italia ammonta ad una cifra tra i 450 e i 490 miliardi di euro, di cui soltanto circa 25% è già servito. Il potenziale di sviluppo è dunque molto […]

[…]

Top News

Anno della Frutta e Verdura, torna “Il Piantastorie” di Bayer in podcast

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – In omaggio all’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura (AIFV) promosso dalla FAO, Bayer Italia prosegue nel suo racconto per promuovere buone pratiche agricole e uno stile di vita sano. Lanciato nel 2020 in occasione dell’Anno Internazionale della Salute delle Piante, la nuova edizione de Il Piantastorie in versione podcast vuole accompagnare […]

[…]

Top News

Ad agosto produzione industriale in lieve calo

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto 2021 l’Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,2% rispetto a luglio. Nella media del trimestre giugno-agosto il livello della produzione cresce dell’1,1% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile cresce su base congiunturale per i beni strumentali (+0,8%), mentre diminuisce per l’energia (-2,1%), i beni […]

[…]